Tradimenti estivi, perché accadono e come rimediare

Perché accadono e come rimediare ai tradimenti estivi? Numerose indagini condotte nel corso degli anni lo confermano: i tradimenti sono più frequenti durante la bella stagione, ma a quanto pare il motivo principale è legato alla biologia. La colpa sarebbe tutta degli ormoni!

da , il

    Tradimenti estivi, perché accadono e come rimediare

    I tradimenti estivi perché accadono e come rimediare? Con l’alzarsi delle temperature aumentano le infedeltà coniugali, lo dimostrano diverse indagini a tema, e anche i tradimenti estivi vip sono in costante crescita. Ma cos’è che ci rende più propensi all’infedeltà? I centimetri di pelle scoperta che aumentano, direte voi o la maggiore possibilità di effettuare vacanze e trasferte fuori casa, complice la bella stagione e la maggiore disponibilità di tempo libero. Indubbiamente sono tutti fattori che incidono sull’incremento dei tradimenti estivi, ma se sotto il sole cocente siamo più inclini alla scappatella, la colpa, a quanto pare, è piuttosto della biologia.

    Tradimenti estivi: le motivazioni

    Le motivazioni dei tradimenti estivi hanno a che fare con la biologia più che con tutto il resto. Il nostro corpo, infatti, in estate produce più testosterone, l’ormone responsabile dell’aumento del nostro desiderio sessuale. Nella stagione estiva proprio in virtù di questa accresciuta produzione ormonale siamo più ben disposti al contatto fisico ed emozionale che molte volte finiscono per sfociare in un’avventura.

    A tradire di più in questo periodo sono soprattutto le donne tra i 45-50 anni, l’ormone femminile responsabile in questo caso è l’estradiolo. Nelle coppie di tutte le età, anche prima dei 45 anni, invece tradisce prevalentemente lui con un 27,7% contro il 5,4% delle donne. La tendenza a tradire negli uomini, comunque, decresce con l’avanzare dell’età.

    Il testosterone, principale ormone maschile, è influenzato dai raggi solari grazie alla correlazione di un meccanismo legato alla vitamina D, in grado di aumentarne i livelli di ormone presente nel sangue. In generale ricordiamo che il sole e la luce hanno un effetto antidepressivo ed euforizzante. Fondamentale, infine, è il ruolo esercitato dei feromoni, sostanze chimiche naturali che produce il nostro organismo e che stimolano l’olfatto, sollecitato ancora di più dalla mancanza di vestiti.

    Tradimenti estivi: come rimediare

    Come rimediare ai tradimenti estivi? Non c’è molto da fare se vi siete concesse una scappatella, ormai il danno è fatto. Potreste però consolarvi pensando che forse anche il vostro lui ha combinato qualcosa in vostra assenza. Non si può mai sapere! Altrimenti sta a voi scegliere il da farsi: confessare l’avventura con tutti i rischi che una tale scelta comporta o tacerla per sempre. L’importante è che una volta presa una decisione, qualunque essa sia, non torniate sui vostri passi. Non sarebbe carino confessare dopo anni un tradimento estivo e soprattutto non pensiate che, essendo trascorso molto tempo, il vostro lui vi perdonerà più facilmente. Un altro aspetto da considerare è il carattere del partner: sarebbe più felice sapendolo o preferirebbe, in cuor suo, non scoprirlo mai? Tenetene conto prima di scegliere. Alcuni uomini preferiscono di gran lunga non sapere niente, soprattutto se si è trattato di un’avventura breve, di cui non vi importa nulla. Altri invece, esigendo fiducia e un dialogo aperto, preferiscono conoscere la verità anche se fa male, in modo da poter scegliere liberamente come comportarsi.

    Tradimenti estivi: confessare sì o no

    Confessare sì o no i tradimenti estivi? Come premesso, dipende da caso a caso. Se proprio non riuscite a mantenere il segreto, consapevoli di rischiare sensi di colpa infiniti, forse è il caso di confessarlo. Meglio scegliere il momento più adatto evitando di parlarne quando lui è nervoso o stressato. Ma occhio a non farlo nemmeno durante una vacanza romantica, rovinereste irrimediabilmente l’atmosfera. E’ difficile stabilire a priori il momento giusto ma sarebbe opportuno confessare quando il partner è tranquillo, magari steso sul divano a guardare la tv. E’ inevitabile che si arrabbi, accadrebbe in ogni caso, ma perlomeno in queste circostanze il suo umore non sarà di ulteriore intralcio.

    Quando invece è il caso di non confessare affatto il tradimento? Quando siete certe che si sia trattata di una semplice avventura, di alcuna rilevanza per voi e non “soffrite” di sensi di colpa acuti. Insomma, bisogna avere lo spirito giusto per mantenere un segreto così importante e custodirlo gelosamente dentro se stesse a dispetto degli anni che passano. Considerate infatti che potrebbero subentrare sensi di colpa e se lui dovesse combinarla grossa, tradendovi a sua volta, potreste essere tentate di confessarlo per vendetta. Nulla di tutto ciò però ha senso. Una volta deciso di non dire nulla, mantenete fede alla promessa fatta con voi stesse!