Traditore seriale, come riconoscerlo

da , il

    Traditore seriale, come riconoscerlo

    Perdonare un tradimento può anche essere, raramente, un’ipotesi contemplabile: supponiamo il caso di un marito fedelissimo e innamoratissimo che, in un periodo di crisi in cui problemi vari vi hanno allontanato, cade in una scappatella senza importanza e ve lo confessa immediatamente in lacrime e in ginocchio. Non vi sentireste di dargli una seconda chance (ovviamente dopo esservi vendicate un po’ con un dose di sano sadismo)? Ben altra cosa sono i traditori incalliti, quelli che gli psicologi definiscono i ‘traditori seriali’: sono quelli perennemente impegnati in storie importanti con donne cornute!

    Per loro amare e tradire sono due facce della stessa medaglia e una cosa non esclude l’altra, anzi si completano a vicenda: se li sentite parlare infatti giureranno di amare la propria fidanzata e di non essere disposti a cambiarla con nessuna. Eppure tradiscono, non una volta ma ad ogni occasione: e se l’occasione non arriva da sola la cercano loro! Sono recidivi e senza speranza e vanno assolutamente tenuti alla larga. Ma come riconoscerli? Alcuni dettagli fisici e comportamentali ci aiutano: osservateli bene perché il linguaggio del corpo tradisce loro! Partiamo dagli occhi: un uomo che mente si guarda spesso intorno, come se cercasse un aiuto. Quando parla riempie i discorsi di dettagli inutili cercando di dare credibilità alle proprie versioni dei fatti. E’ sempre attento a non lasciare incustodito il cellulare e si ostina ad evitare categoricamente alcuni posti specifici adducendo scuse ridicole. Altro indizio: ha avuto molte donne ma con nessuna ha mantenuto rapporti civili e anzi tutte le hanno tolto il saluto. Occhio ai dettagli quindi e state in allerta: se li identificateli tagliate la corda e non mettetevi in testa di essere la crocerossina che li salverà e li spingerà a mettere la testa apposto!