Tradizioni di Natale, l’amico invisibile

da , il

    Tradizioni di Natale, l’amico invisibile

    Avete tanti, troppi, amici da accontentare a Natale? Oppure la crisi non via ha schivato e preferite andarci piano con i regali? Ebbene organizzate la festa dell’amico invisibile, una tradizione spagnola ‘amigo invisibile’, un suggerimento divertente, economico, capace di risolvere l’annoso problema sul ‘Cosa regalo a Natale?’ in un battito di ciglia. Basta organizzarsi per tempo. L’amico invisibile, o amico segreto, è un gioco popolare dove diverse persone selezionate fanno i regali l’un l’altro in gran segreto.

    Bisogna ritrovarsi con gli amici qualche giorno prima di Natale, 20 partecipanti è il numero massimo suggerito, questo fine settimana sarebbe l’ideale, un occasione per far festa, ognuno scrive il proprio nome su un bigliettino, i biglietti verranno inseriti in un sacchetto tipo tombola, dopo di che ognuno pescherà un bigliettino, chi pesca dovrà fare il regalo alla persona “pescata”, e solo a quella.

    Il budget del regalo viene deciso prima, in modo da evitare sbalzi eccessivi, in media si va dai 5 ai 15 Euro a testa. A Natale gli amici si ritrovano e mettono tutti i regali sotto l’albero di Natale ogni pacchetto sarà nominato correttamente, ma la domanda della serata sarà “Chi mi avrà mai fatto questo regalo?” L’amico invisibile! Ora, il fortunato deve scoprire, dal tipo di regalo, chi è il suo amico invisibile.

    Il motivo di tutto ciò? Oltre l’aspetto economico, un regalo al posto di venti è comunque da prendere in considerazione, il fine è conoscersi e comunicare, infatti si consiglia di invitare un numero uguale di uomini e donne, e di dividere i sessi in due sacchetti, così da obbligare uomini e donne a farsi doni opposti.

    Esistono poi le opzioni alternative del gioco, la versione che prevede il regalo di oggetti sessuali, fine far vergognare e ridere, regali assolutamente attinenti alla persona ma prendendola in giro, passioni o fobie, a tema, a quanto apre esiste anche la versione del “nemico invisibile” che prevede il regalo di oggetti inutili, magari recuperati da casa. Infine la distribuzione dei regali può venire fatta in maniera casuale, serve a conoscersi in caso di festa tra sconosciuti.