Troppo amore arriva in tv per una serie di fiction sulle donne

da , il

    Troppo amore arriva in tv per una serie di fiction sulle donne

    La cronaca è piena di episodi di amore che degenera, di gelosia ossessiva che sfocia in reati di violenza o di stalking. E’ proprio questo aspetto deviato dell’amore di cui molte donne, ma a volte anche alcuni uomini, sono vittime, che ha deciso di portare sul piccolo schermo Liliana Cavani, impegnata in questi giorni a Trieste nelle riprese di ‘Troppo amore’.

    Il titolo è emblematico e si riferisce ad un film televisivo facente parte di un progetto Rai Fiction più ampio incentrato sul tema della violenza contro le donne e intitolato ‘Un corpo in vendita’. La produzione è della Ciao Ragazzi di Claudia Mori, in regia, oltre appunto alla Cavani, sono impegnati Margarethe Von Trotta e Marco Pontecorvo. Le puntate previste erano inizialmente sei, poi ridotte a quattro con il taglio dei film dedicati rispettivamente alla prostituzione e agli abusi sui minori. E’ evidente l’impegno di sensibilizzazione sociale di Rai Fiction, solitamente incentrata su temi più leggeri. Si parlerà di violenza domestica, violenza sessuale, stupro, stalking, tratta e prostituzione forzata. Si parte proprio dal reato di stalking: i protagonisti della storia sono Livia (Antonia Liskova) e Umberto (Massimo Poggio) inizialmente fortemente innamorati. Lui poi inizia a cambiare, limitandola sia psicologicamente che fisicamente e cercando di isolarla perché in preda ad una gelosia morbosa. La ragazza riesce a comprendere la situazione solo con il tempo e cercherà, non senza fatica, di prenderne coscienza. Un’occasione importante per approfondire questi temi e comprenderne la gravità.