Uomini infedeli, i cinquantenni tradiscono di più

da , il

    Uomini infedeli, i cinquantenni tradiscono di più

    Si parla spesso del fatto che il tradimento sta diventando sempre più frequente nella nostra società: ma qual è l’identikit dell’uomo traditore? Da una recente indagine emerge un dato curioso e interessante: a tradire più degli altri non sono i giovani, confusi tra la voglia di libertà e il sentimento, ma i cinquantenni sposati da tanto tempo e apparentemente insospettabili. Insomma quando diciamo che i primi capelli grigi danno alla testa degli uomini abbiamo ragione! Oppure semplicemente superata una certa età si cambia visione della vita e si sente un impulso a non lasciarsi scappare le occasioni.

    Da questo punto di vita tradire diventa uno stimolo a rompere la quotidianità e a provare nuove emozioni. Ma come si comportano i cinquantenni che tradiscono? Una recente indagine sul tema, commissionata dalla The Co-operative Pharmacy su un campione di circa 3 mila persone e pubblicata sul quotidiano inglese ‘Daily Telegraph’, fa rientrare questi comportamenti nella categoria di quelli promiscui e imprudenti. Sembra infatti che un quarto degli over 50 tradisce il partner e che un sesto non usa precauzioni nelle relazioni extraconiugali. Gli esperti sostengono che una spiegazione può essere l’educazione improntata sull’amore libero degli anni settanta. Un altro pregiudizio colpevole di questa imprudenza è ritenere erroneamente che il profilattico sia una cosa da adolescenti. I ragazzi invece sono più prudenti e, stando ai dati, emerge un dato che colpisce: un quinto degli adolescenti over 16 non ha ancora avuto il primo rapporto sessuale completo. Se questi dati fossero veri sarebbero i figli a dare lezione di maturità e sessuologia ai genitori.