Uomini: perchè è meglio parlargli chiaro

da , il

    Uomini: perchè è meglio parlargli chiaro

    Ha ragione la mia amica: nei rapporti con gli uomini bisogna essere chiare! Tecniche di seduzione a parte, poi, occorre schiettezza. Mi accorgo, infatti, che proprio non ce la fanno a capirci. Non dice una cosa assurda chi afferma che veniamo da due pianeti differenti: noi da Venere e loro da Marte. La comunicazione è interrotta.

    Le sonde non arrivano. I messaggi lanciati si disperdono nello spazio. Inutile parlare in codice, tentare con gesti: non c’è il segnale. Per quanto vi sforziate di far comprendere qualcosa ad un uomo, sappiate che se non sarete dirette i vostri sforzi saranno inutili. Dopo averlo sedotto, il secondo passo da fare per tenervelo è dirgli le cose come stanno. Bisogno di sicurezza, voglia di sentirsi importanti, un solo neurone che non riesce a gestire e tradurre informazioni criptate, le motivazioni sono tante. L’unica cosa certa è che nel dubbio è sempre meglio dire e sapere cosa si pensa l’uno dell’altro. Mi sembra anche una soluzione più onesta: se, infatti, il vostro lui vorrà, potrà rimanere e continuare a vivere il vostro rapporto (qualunque esso sia: sesso, mezzo amore, intrattenimento per noia), o lasciar perdere se non è troppo interessato. In entrambi i casi avete messo le carte in tavola. Le cose stanno così: vai o resti?

    Più ci penso e più mi convinco che la mia amica ha davvero ragione. Ma perché perdere tempo cercando di circuire uno che è stato solo una notte con noi e poi s’è messo a fare il prezioso? Ma che gli passerà per la testa? Soprattutto perché non mi chiede di bissare? E poi il tarlo: non è che siamo noi che non ci facciamo capire? Che invece del via libera sembra che abbiamo il segnale di attenzione incrocio pericoloso? Meglio spiegare, dunque, che la strada è tranquilla, scorrevole e neppure troppo trafficata. Male che vada si può sempre cambiare categoria. Ad esempio, salpare per nuovi lidi in yatch!