Belli e intelligenti, da oggi l’unione è possibile

da , il

    Belli e intelligenti, da oggi l’unione è possibile

    Ero rimasta alla notizia che acclamava il seno grande come simbolo di intelligenza, ma oggi siamo andati oltre. Niente più stereotipi del tipo bella ma stupida, bionda ma oca, spesso usati da chi bello non è e porta con se tanta di quella invidia da ritenere oggi tutte le belle capaci di bunga bunga. Una ricerca punta il dito proprio sulla falsità del detto bella quindi poco intelligente, anzi ribalta in toto la situazione. Studi recenti condotti da Satoshi Kanazawa per la London School of Economics hanno appena confermato che i belli sono anche più intelligenti. E ora piangiamo pure senza ritegno.

    Lo studio inglese è destinato a cambiare le regole del mondo, oppure come spesso accade passera in silenzio perchè troppi gli esempi della storia che dovrebbero venire quanto meno rivisti. Quindi: chi è bello è anche più intelligente con una media di 13.6 in più nei test QI per gli uomini e 11.4 per le donne. Non solo, e ora sono certa che le lacrime aumenteranno, bellezza e intelligenza sembrano essere tratti ereditari, i figli di coppie di bell’aspetto sono destinati a cambiare il mondo, o a renderlo più piacevole e acculturato. Si spera a questo punto che i figli dei vip, come i Bradgelina o i piccoli Beckham dovrebbero come minimo governare il mondo.

    Difficile però intendere il professore quando afferma ‘La nostra affermazione che le persone esteticamente attraenti siano più intelligenti è meramente scientifica. Non è una prescrizione su come trattare o giudicare le persone’. Tutto e il contrario di tutto.

    Mi auguro che questa nuova ricerca non susciti odio tra belli e brutti, difficile davvero confrontare l’intelligenza al pari della bellezza. Forse Stephen Hawking avrebbe qualcosa da ridire dall’alto del suo IQ di 160.