Blackberry Botox: nuova cura per le rughe da smartphone

da , il

    Blackberry Botox: nuova cura per le rughe da smartphone

    Donne attenzione! Dal Regno Unito arriva un nuovo allarme: le rughe dovute all’eccessivo utilizzo da smartphone.

    Il chirurgo plastico inglese Jean Luis Sebagh, noto guru estetico di Cindy Crawford, è stato il primo a denunciare che la presenza di queste sottili ma sempre antiestetiche rughe sulla parte alta del viso delle donne è dovuta ad un uso intensivo e costante di smartphone, I-phone e tutti quei supporti tecnologici dotati di schermo estremamente piccolo. Queste dimensioni ridotte inducono la persona ad assumere una particolare espressione del viso per cui le sopracciglia si avvicinano nell’intento di poter vedere meglio e così con il tempo queste pieghe si trasformano in vere e proprie rughe.

    Da qui il ricorso massiccio al blackberry botox, ovvero comunissime iniezioni di botulino perfette per eliminare i danni da smartphone e similari.

    Attenzione però, possono essere risolutive se vengono eseguite da personale esperto in centri specializzati.

    La diffusione endemica di questi tecnologie moderne, porta ad assumere espressioni innaturali che diventano con il tempo permanenti segnando il viso anche di ragazze molto giovani o comunque di donne che non hanno ancora superato gli ‘anta’.

    Il Dott. Jean Luis Sebagh conferma come siano chiaramente individuabili sul volto delle smartphone addict.

    Queste rughe non sono altro che l’ultimo danno scoperto di una lunga serie di patologie dovute all’ccessivo utilizzo delle nuove tecnologie: esiste il pollice da blackberry, ovvero una lesione da sforzo ripetuto causato da un’eccessiva attività di digitazione e la fastidiosissima CVS, ‘Computer vision sindrome’ che comporta tensione e secchezza oculare, dovuta ad un insufficiente lacrimazione e ai troppi riflessi dei monitor.

    Vi invitiamo quindi a moderare l’utilizzo di questi strumenti, altrimenti attenzione, il botulino prima o poi busserà alla vostra porta!