La chirurgia plastica che azzera le differenza etniche

da , il

    La chirurgia plastica che azzera le differenza etniche

    La moda della chirurgia plastica sta azzerando le differenze estetiche che caratterizzano le diverse etnie del pianeta, l’allarme, anche se non tutti lo definiscono tale, arriva dagli Stati Uniti ma non fatico a credere che è destinato ad aumentare. I domenicani vogliono natiche più sù, i cinesi vogliono sollevare le palpebre, le donne russe aumentano il seno mentre i coreani correggono e linee della mascella. New York protagonista dell’azzeramento delle caratteristiche etniche dell’essere umano, tanto da creare una serie di mercati di nicchia dedicati agli immigrati che vogliono cambiare il loro aspetto.

    Il cambiamento cerca l’ideale di bellezza occidentale o desidera apparire come la celebrità o la vip di turno, gli immigrati cercano il chirurgo capace di ricreare gli occhi di Lee Hyori, la pop star coreana. E non mancano le operazioni di chirurgia plastica saldabili in comode rate, e purtroppo c’è chi si improvvisa chirurgo lavorando senza licenza.

    In sintesi si stanno creando cliniche specializzate nel rimodellare le palpebre, o nel creare la sagoma latina, a domanda si crea la risposta del mercato. E gli italiani? Modificano le loro ginocchia, perchè le ginocchia devono essere giovani per poter indossare le minigonne. La motivazione secondo gli psicologi è da cercare nell’adattamento al nuovo paese, un processo difficile che alcuni credono si semplifichi rimodellando il proprio aspetto.

    Aumentare il seno, latini, diminuire i glutei, ispanici, sollevare le palpebre, asiatici… a ogni clinica la sua specializzazione, ma non rischiamo di sembrare tutti noisamente uguali?