Make up italiane, belle senza eccessi

da , il

    Make up italiane, belle senza eccessi

    Le donne italiane si truccano e si fanno belle ma senza troppi eccessi e colpi di testa, questo il risultato di uno sondaggio della Gfk Eurisko, attraverso una serie di interviste a domicilio infatti è emerso che due donne su tre in Italia amano apparire belle ma soprattutto sane. Il campione dello studio ha preso in esame soprattutto le over 30, ed è emerso da subito come la tendenza al trucco sia in calo lasciando invece a un concetto di bellezza che abbraccia un benessere complessivo che comprende la dieta e l’esercizio fisico, anche se… il detto senza trucco mai sembra assolutamente vero anche per le signore del bel paese.

    Meno make up e più benessere, questo è in sintesi il risultato che riguarda le donne italiane, le signore del bel paese preferiscono curare il proprio attraverso l’uso di prodotti per la cura della pelle e seguendo una dieta per tenere la linea. In sintesi il 59% delle over 30 si dice molto attenta alla propria immagine e il 69% usa abitualmente creme per il viso. In particolare, il 67% utilizza prodotti idratanti e il 41% preparati antirughe.

    Un terzo delle signore ama stupire attraverso l’uso del make up, ma con un approccio più minimal, eppure non manca la signora trascurata, 24,8%, le ben tenute 20,4%, le sofisticate 15,6%, decorose 13,8%, sobrie 13,4%, acqua e sapone 8,8% e le esuberanti 3,3%. Molto importanti la zona di residenza, sembra che tra sud e nord vi siano delle sostanziali preferenze opposte anche nel trucco, e il livello di istruzione, le donne meno istruite cercano di apparire spesso pasticciando e imitando.

    La tendenza è comunque quella di limitare il make up, il dermatologo Antonino Di Pietro, presidente dell’Isplad, International-Italian Society of Plastic Regenerative and Oncologic Dermatology, commenta ‘E’ positivo che le italiane capiscano come essere belli non significhi essere più ‘colorati‘ pur dichiarandosi sorpreso di fronte al dato sulle donne che, per sentirsi più belle e giovani, finiscono per perdere il senso della misura, poco, a suo dire, il 3% constatato. ‘Dietro la porta degli studi di dermatologi e chirurghi plastici la situazione è ben diversa. Purtroppo ancora oggi la quota di esagerate arriva al 60-80%‘, precisa Di Pietro ‘Particolarmente pericolosi sono i trattamenti che portano nella matrice cutanea sostanze estranee che rischiano di scatenare crisi di rigetto‘. Meno eccessi e donne più belle… una speranza vana?