Onicofagia: rimedi naturali per smettere di mangiarsi le unghie

da , il

    Onicofagia: rimedi naturali per smettere di mangiarsi le unghie

    L’onicofagia è il brutto vizio di mangiarsi le unghie ma esistono alcuni rimedi naturali utili per dire addio alle mani rovinate. Questa mania si riscontra soprattutto in soggetti inclini all’ansia, insicuri, timidi e si sviluppa principalmente in tenera età. Oltre all’evidente problema estetico, questo vizio può anche portare a complicazioni per la nostra salute.

    Batteri, virus e funghi sono in continuo contatto con le nostre mani e l’onicofagia li trasporta in bocca. I problemi possono anche insorgere per lo smalto dei denti e la loro posizione irregolare a causa del continuo sforzo nel mangiarsi le unghie. C’è anche chi non si limita alle unghie ma prosegue fino ai polpastrelli che sono così danneggiati e vengono a contatto con lo sporco e la polvere, creando delle vere e proprie infiammazioni.

    Spesso il vizio passa con il tempo, una volta stabilita la sicurezza psicologica di un adulto ma, per chi non riesce proprio a liberarsi di questa mania, esistono piccoli rimedi naturali. Per curare le irritazioni dei polpastrelli potete applicare dell’olio di germe di grano, massaggiando accuratamente le parti infiammate. Per le unghie, molti consigliano l’applicazione di uno smalto dal sapore sgradevole ma si può ottenere lo stesso effetto anche con l’olio di mandorle dolci. Per rinforzare le vostre unghie fragili, rivolgendovi prima al vostro medico, potete assumere degli integratori a base di ferro e cisteina.

    Un altro rimedio efficace sarebbe quello di ricorrere alla ricostruzione delle unghie: il gel è davvero troppo duro da distruggere, anche per i mangiatori di unghie più accaniti. Avere una bella manicure curata poi potrebbe aiutare ad abbandonare definitivamente questo brutto vizio.