Piercing: come farlo senza correre rischi per la salute

da , il

    Piercing: come farlo senza correre rischi per la salute

    Fino a un po’ di anni fa il piercing era considerato una pratica ‘tribale’ che si concedevano soltanto tipi bizzarri ed alternativi, star annoiate dal troppo lusso o più semplicemente giovanissimi in piena fase di ribellione. Oggi invece è una forma di body art estremamente diffusa in ogni strato della società e che non conosce limiti di età. Insomma perforarsi la pelle ed incastonarvi una pietra oppure un gioiello sembra ormai un rituale ordinario, conviene quindi affrontare il problema dei possibili rischi connessi all’applicazione di un piercing. Scopriamo insieme dove è più rischioso fare un piercing e come farlo in sicurezza: è fondamentale la scelta del punto in cui applicarlo per poterne valutare le conseguenze sulla vostra salute.

    Di per sé il piercing non è pericoloso ma lo può diventare se non si prendono determinate precauzioni.

    Analizziamo il ‘dove’.

    Non tutte le parti del nostro corpo sono uguali, ad esempio non ci sono problemi per l’ombelico, l’orecchio ed il sopracciglio, invece per la bocca, la lingua, il naso e i genitali (ebbene sì, c’è gente che usa farseli applicare proprio lì…) il rischio di contrarre infezioni è piuttosto alto poiché sono zone estremamente delicate.

    Il piercing al naso crea una fessura con l’esterno che permetterà l’ingresso ai batteri, mettendo a repentaglio la vostra salute. Quelli invece applicati alla bocca oppure ai genitali sono estremamente pericolosi perché sono zone fortemente irrorate dal sangue e le lesioni a questi tessuti, consentono l’ingresso dei batteri a livelli ancora più allarmanti.

    La fondamentale arma a vostra disposizione è quella di scegliere personale specializzato ed evitare nella maniera più assoluta il fai da te (spesso praticato dai più giovani).

    Per riconoscere un centro a norma ed un operatore professionista, non perdete mai di vista queste indicazioni:

    -Un piercer professionista usa attrezzatura sterile e monouso (non utilizzare materiale sterile può esporvi al rischio di contrarre patologie estremamente gravi come l’epatite C e l’AIDS).

    -Lavora in ambienti chiusi al pubblico e tenuti rigorosamente separati dal resto dello studio.

    -Non utilizza mai la vecchia pistola che si usava per mettere gli orecchini ai lobi delle orecchie, perché rischierebbe di lacerarvi la pelle o le cartilagini.

    -Usa solo aghi sterilizzati e monouso.

    -Avverte sempre il suo cliente dei possibili rischi di rigetto e di tutte le problematiche che potrebbero insorgere.

    -Non utilizza mai orecchini o gioielli in nichel o cromo (potenzialmente responsabili di dermatiti allergiche), predilige invece leghe di platino, oro o argento.

    Ora avete tutti gli elementi per decidere dove fare un piercing e come farlo in sicurezza, quindi non rischiate, in gioco c’è la vostra salute!