Prima beauty farm in carcere a Strasburgo: la libertà di sentirsi belle

da , il

    Prima beauty farm in carcere a Strasburgo: la libertà di sentirsi belle

    Le beauty farm sono capaci di rimetterci in vita e, perchè no, restituirci la libertà di sentirci belle sempre. Nel carcere di Strasburgo ne è stata appena inaugurata una: si tratta del primo centro benessere disponibile per detenute, un’esperienza unica al mondo destinata a fare notizia. Grazie alla Croce Rossa e la generosità di una giovane estetista, le detenute del carcere di Elsau, potranno recuperare femminilità e amore per se stesse anche dietro le sbarre.

    Tende colorate per coprire le sbarre, pareti dipinte nei colori più rilassanti e accoglienti, profumi, musica d’atmosfera, si presenta come un’oasi di pace la prima beauty farm nel carcere di Strasburgo, un ambiente ricreato in una vecchia infermeria, dove le detenute possono finalmente rientrare in possesso della loro libertà, riscoprire la propria femminilità persa dopo anni di detenzione.

    Un esperienza appagante, rigenerante, che rafforza la morale e restituisce dignità, è questo il senso a cui si riferisce nelle sue dichiarazioni il direttore della carcere Alain Reymond.

    Tra profumi balsamaci e soffici accappatoi bianchi, Julie Vogt, estetista professionale, si prende cura delle detenute. Dedica loro 45 minuti durante i quali tra massaggi agli oli essenziali, pulizia del viso, maschere di bellezza si impegna a ricostruire un look più che fisico, morale, che anni di prigione e privazione hanno oscurato.

    La prigione di Elsau, situata nella parte ovest della città, ospita in totale 637 detenuti e non è nuova ad esperimenti del genere: già nel 2008 aveva avviato un progetto veramente ammirevole concedendo la possibilità ai carcerati di prendersi cura di piccoli animali, come colombe, furetti, coniglietti d’India nelle loro ore di ricreazione.