Protesi al seno: approvati dal governo il ddl e il divieto per le minori di 18 anni

da , il

    Protesi al seno: approvati dal governo il ddl e il divieto per le minori di 18 anni

    Rifarsi il seno, o qualunque altra parte del corpo è diventata pratica comune non solo per i personaggi dello spettacolo, ma anche per le persone comuni; ad abusare della chirurgia estetica sono soprattutto le donne, circa 100000 l’anno, e un buon 5% di esse (quindi circa 5000) non hanno ancora compiuto 18 anni. Allora dal governo è stato approvato un ddl che vieta alle minorenni di sottoporsi ad interventi di chirurgia plastica al seno, se al solo scopo estetico.

    Il ministro della salute, Fazio, ha dichiarato che questo intervento servirà a ridurre il numero di interventi chirurgici e di conseguenza anche quello degli specialisti del ritocco, visto che gran parte di essi (circa 3 su 3, sono improvvisati e privi di una qualifica vera e propria. È proprio così, come per ogni business che tira, spuntano fuori fantomatici specialisti che, offrendo prezzi più bassi rispetto ai ‘colleghi’ certificati, non garantiscono sicurezza e qualità.

    Questo intervento del governo prevede anche un registro delle protesi, che permetterà quindi di tracciare i materiali utilizzati e tenere così sotto controllo l’operato degli addetti ai lavori. Ma il lavoro di regolarizzazione della chirurgia estetica, stando a quanto affermato da Fazio, coinvolgerà anche altri campi della disciplina. La plastica al seno è necessaria solo in alcuni casi e la diffusione incontrollata del fenomeno ha spinto alcuni medici, come Giulio Basocco della Sapienza di Roma, ad avviare degli studi per capire il risvolto psicologico che ha sulle donne: ebbene una ricerca condotta tramite questionario ha portato alla luce che pazienti, tra 25 a 40 anni, fidanzate o sposate, dopo essersi sottoposte ad intervento di rifacimento del seno, potrebbero potenzialmente tradire il proprio partner. Che l’intervento al seno sia rappresenti una sorta di rinascita e quindi anche la voglia di nuove esperienze?