Prova costume 2011: ecco come la affrontano le italiane

da , il

    Prova costume 2011: ecco come la affrontano le italiane

    Una vera e propria pena da espiare regolarmente una volta ogni anno, la prova costume e rappresenta per molte donne il momento della verità. Gli eccessi alimentari uniti alla quasi totale assenza di attività sportiva nella più realistica delle ipotesi lasciano rotolini sparsi e cellulite localizzata regalando una silhoutte tutta’altro che adatta all’ultimo sgambatissimo bikini. E nonostante i progressi della medicina o della cosmesi come l’omeopatia anticellulite o i fanghi naturali, le donne italiane non sembrano così fiduciose alla vigilia della stagione estiva.

    A delineare un ritratto dettagliato delle donne del Belpaese alle prese con la prova costume è lo staff di Nestlè Fitness, sempre in prima linea con utili consigli per tenersi in forma.

    Italiane e prova costume
    [fotoda nome="AP/LaPresse"]

    Prendendo in esame un campione di 512 donne dall’età compresa tra i 18 e i 54 anni si scopre senza troppe sorprese che almeno la metà è ansiosa di affrontare la prova costume e la schiacciante maggioranza non si sente abbastanza in forma. Le conseguenze di questa generica insoddisfazione sono varie: si va dalla rassegnazione per i mancati risultati nonostante gli sforzi (25%), dagli intramontabili trucchetti dell’ultim’ora come il costume intero (21%) e il pareo (40%), fino alla scelta estrema di rinunciare alla spiaggia (14%).

    Ma nonostante l’estate sia ormai inesorabilmente iniziata, non è ancora tempo della resa. E così molte donne italiane hanno scelto la retta via iniziando con l’attività sportiva regolare (31%) e soprattutto con l’introduzione di un corretto regime alimentare (50%). L’obiettivo non è dei più semplici per 6 donne su 10: la pancia piatta proprio come Rossella Brescia testimonial dei cereali Fitness di Nestlè.

    E in vista del tortuoso percorso per riacquistare la forma fisica perduta non resta che affogare le ansie più recondite nello sport e nel cibo, quello sano naturalmente.