Smalti Dior, collezione autunno-inverno 2010 2011

da , il

    Smalti Dior, collezione autunno-inverno 2010 2011

    Quattro particolari nuance rappresentano i nuovi smalti lanciati da Dior: Bronze Libertine 706, Ecre de Chine 903, Blacj Sequins 905 e Cherry Blossom 386, ovvero bronzo cangiante, blu tenue, nero iridescente e rosso ciliegia.

    Unita alla Collezione Terrible ideata da John Galliano – make up che punta sullo sguardo attraverso sofisticati e intensi smokey eyes con tonalità malva, grigio e viola scuro, nero carbone – l’attuale produzione di smalti è caratterizzata da gradazioni metallizzate che variano dal blu al verde. Luminose e scintillanti, facili da stendere, anche se forse troppo corpose, le tonalità esaltano e accentuano soprattutto unghia lunghe. Altra novità proposta da Dior è la Reverse French: colore basilare sotto e lunetta reverse sopra. Simile ad una french manicure, per realizzarla ci vuole difatti molta pazienza e precisione e i colori must del momento sono rosso e bianco per la maison francese. Una volta rimosso lo smalto rosso nella lunetta si può procedere con la stesura dello smalto bianco, ma questo non vuol dire che non potete sbizzarrivi con altri colori. Ingrandendo la lunetta trasformate invece la Reverse in una Half Moon, tecnica risalente agli anni ‘20 e anch’essa decisamente di tendenza nella prossima stagione, però assolutamente più complessa. In occasioni delle recenti sfilate di moda, Dior ha fatto sfilare le sue modelle, e la regina del burlesque Dita Von Teese, con unghie personalizzate dalla Half Moon.

    Ancora in fase di elaborazione invece la campagna pubblicitaria per l’autunno-inverno 2010-2011 anche se Karl Lagerfeld tiene a fare sapere che l’inverno sarà gelido, tanto che non potremo fare a meno della pelliccia sui giacconi, sui polsi delle giacche, sugli orli dei mini abiti, sulle gonne rettangolari sopra il ginocchio, sui pantaloni che scendono diritti, sui moon boot (simil doposci) dotati di tacco da portare anche in città, sulle borse e sugli zaini imbottiti.