Trucchi da gustare: rossetti amari e dolci

da , il

    Trucchi da gustare: rossetti amari e dolci

    L’acquisto di un nuovo rossetto comporta di solito mettersi alla ricerca del colore perfetto. Ma perché non acquistare un rossetto non solo per il suo colore, ma anche per il suo sapore. Che ci crediate o no, trovare un rossetto che sappia anche di qualcosa è praticamente impossibile, a meno che non vi siano designer che facciano di questo dettaglio una vera e propria missione. Mettendoci alla degustazione di alcuni trucchi per la bocca, tra i peggiori sembrano esserci quelli di Kat Von D e Tarina Tarantino, dal sapore abbastanza amaro. Urban Decay, che ha tra l’altro recentemente lanciato una grande novità nel campo del make up ovvero la collezione di rossetti Violent Lips per avere effetti magici sulle labbra, Benefit, Clinique, Korres e Bare Minerals invece si classificano in maniera mediocre in quanto hanno prodotti dal gusto non totalmente cattivo da essere insopportabili.

    Marche come Lorac, Bobbi Brown e Dior si piazzano invece ad ottimi livelli, seppure abbiano dei rossetti dai sapori impercettibili ma dal buon gusto. Ma scavando tra i prodotti si arriva alla scoperta del rossetto Aveda, dal sapore vivido di menta: una piacevole sorpresa per la bocca e per il palato. Tali ricerche, tanto divertenti quanto interessanti, dimostrano proprio come un semplice acquisto per le donne sia invece basato su tanti elementi. Nessuno lo avrebbe detto ma anche la bocca vuole la sua parte. Non solo texture coprenti, sensuali e morbide al tatto, ma anche labbra da baciare con gusto. I rossetti Yves Saint Laurent sono fruttati con nessun retrogusto amaro. Per ultimo segnaliamo i prodotti promossi dalla make up artist Michelle Phan per Sephora provvisti di una formula realmente sicura che viene voglia di mangiarli. Inoltre contengono reservatrol, che si trova nel vino rosso, e combatte i radicali liberi coi da apportare al rossetto un beneficio di anti-invecchiamento.