Viso stanco: la maschera rivitalizzante alla camomilla

da , il

    Viso stanco: la maschera rivitalizzante alla camomilla

    Le ferie sono abbastanza vicine, ma tutto il lavoro e lo stress dell’anno ci stanno piombando addosso. Il nostro viso appare molto più stanco dei mesi scorsi, abbiamo alle spalle un lungo periodo di impegni e vita frenetica, facciamo il conto alla rovescia per le ferie ma ancora adesso non possiamo rilassarci! Come si fa a coccolare un po il nostro viso stanco e farlo apparire un po’ più riposato e luminoso? Ci sono le maschere fai da te a venirci in aiuto contro segni di stanchezza, e ce ne è proprio una apposita per rivitalizzare il nostro colorito spento.

    La pelle quando è stressata e stanca si spegne, diventa più brutta, il make up più di tanto non può celare i segni di stanchezza, perchè i segni magari sono profondi, come occhiaie e colorito spento. I rimedi naturali sono ideali per far ritrovare luce al nostro viso e affrontare quest’ultimo mese di vita frenetica. L’amica numero uno è la camomilla ovviamente, il rimedio numero uno contro le occhiaie. Ma per il viso nel suo complesso è bene fare una maschera.

    I rimedi contro la stanchezza sono due, a seconda del tempo a disposizione e anche dalle vostre preferenze. Un rimedio è mettere in infusione i fiori della camomilla in poca acqua (per ottenere un infuso concentrato), lasciare raffreddare e, una volta tiepido, dovete prendere alcune garze e immergerle nell’infuso. Dopo le adagiatele sul viso e sul collo per circa 10 minuti. La pelle del viso apparirà più rilassata e i muscoli facciali distesi.

    Se invece volete preparare una maschera vera e propria per rivitalizzare il viso stanco dovete preparare una crema spalmabile: unite all’infuso di camomilla un cucchiaio di farina d’orzo ed amalgamate il tutto, fino ad ottenere un impacco omogeneo. Applicatela poi sulla pelle del viso e lasciate agire per circa 15 minuti. La maschera avrà un effetto decongestionante, grazie all’azulene, il principio attivo dei fiori di camomilla.