10 Regole di buon vicinato, perché le liti è meglio prevenirle che risolverle!

da , il

    10 Regole di buon vicinato, perché le liti è meglio prevenirle che risolverle!

    A chi non è mai capitato di avere a che fare con un vicino rompiscatole? Un po’ a tutti, ma è anche vero che ognuno di noi può adottare comportamenti che invadono o limitano le libertà altrui. Per questo può essere utile conoscere qualche regola che permetta a tutti i condomini di vivere in pace e meglio! La maggior parte di queste regole sono dettate più che altro dal suon senso di ognuno ed è anche chiaro che, in casi estremi, se subiamo danni o continui disturbi da parte di un nostro vicino, è opportuno rivolgersi all’amministratore. In ogni caso è sempre meglio evitare le liti che risolverle, quindi se volete che i vostri rapporti siano solo di ‘buon vicinato’, date pure un’occhiata a questo decalogo del perfetto condomino!

    1) Prima regola…il silenzio! Non sempre chiaramente, ma abbiate almeno l’accortezza di rispettarlo in alcune fasce orarie, le cosiddette ‘ore di silenzio’, generalmente comprese tra le 14 e le 16 e dalle 22 alle 7 del mattino. A nessuno, noi compresi, piacerebbe essere svegliati in piena notte o durante la pennichella pomeridiana dalla musica o dallo schiamazzo dei bambini!

    2) In ogni caso evitiamo comunque e non solo nelle ‘ore del silenzio’ di tenere al massimo il volume dello stereo o della televisione e di creare rumori troppo molesti.

    3) Non utilizziamo gli spazi comuni come nostra esclusiva proprietà. Il cortile non è un garage privato o il nostro ripostiglio dove lasciare mobili o altri oggetti che non possiamo tenere in casa!

    4) Ancora, non lasciamo giocare i bambini nel cortile, sulle scale o nei terrazzi nelle ‘ore del silenzio’. I bambini sanno essere davvero rumorosi quando vogliono!

    5) La questione balconi e finestre è in prima linea! Mai disporre le piante in posizioni pericolose o senza i supporti necessari, se non vogliamo rischiare di ferire qualcuno! Infine, quando innaffiamo le piante o laviamo il balcone evitiamo di allagare il vicino del piano di sotto!

    6) Non arrechiamo danni ai muri, alle scale, all’ascensore, alle rifiniture del palazzo e in generale a tutti gli spazi comuni. Se si definiscono in questo modo vanno trattai da tali!

    7) Non facciamo riparazioni murarie negli spazi comuni senza il consenso dell’amministrazione, del rappresentante l’autogestione o degli altri condomini.

    8)Altra questione spinosa…il bucato! Quando lo stendiamo, facciamo attenzione a dove il nostro vicino ha posizionato il suo e in generale cerchiamo di non annaffiarlo! Meglio strizzare anche bene i vestiti prima di stenderli!

    9) Nel parcheggiare, rispettare sempre la propria postazione se è stata stabilita collettivamente.

    10) Infine…se le finestre o i balconi della vostra abitazione guardano verso quelli del dirimpettaio evitate di assumere atteggiamenti tipo ‘investigatore privato’ che non fanno piacere a nessuno!

    Ricordate sempre che anche voi siete un vicino!