Alimentazione del canarino, non solo a base di semi

da , il

    Alimentazione del canarino, non solo a base di semi

    Chi di noi non ha mai posseduto un canarino o non ha mai pensato di acquistarlo? Questo simpatico e grazioso animaletto allieterà le vostre giornate con il suo canto e inoltre potrà essere tenuto anche da i meno esperti e da coloro che non dispongono di molto spazio. Per allevarlo al meglio è fondamentale l’alimentazione e la scelta dei prodotti da utilizzare. Infatti il canarino ha bisogno di alimenti specifici mentre altri non potranno essere somministrati come ad esempio la cioccolata che per il nostro amichetto è tossica. Anzitutto i canarini sono uccelli granivori (che si alimentano di semi) tuttavia in natura raramente si nutrono di semi secchi.

    Infatti per la maggior parte dell’anno si alimentano con prodotti semi secchi direttamente dalle piante. Per questo motivo, per i canarini in cattività, non è sufficiente una sola alimentazione basata su una miscela di semi secchi ma dovremo integrare la loro dieta con altri prodotti che la completino. Inoltre le miscele di semi che si trovano in commercio sono molto ricche di grassi ma povere di proteine, vitamine e calcio. Quest’alimentazione di ‘base’ dovrà essere quindi integrata con altri prodotti, è impensabile e dannosa per il nostro animaletto una sola alimentazione di semi ed acqua.

    Tra gli alimenti da utilizzare per integrare la dieta dei nostri canarini troviamo anzitutto la frutta (in particolare sono golosi della mela), l’insalata (come la lattuga, la scarola, il cavolo ecc.) e gli ortaggi (come i piselli, il cetriolo) da somministrare almeno due volte alla settimana per tutto l’anno. E’ consigliabile, dopo averli lavati, asciugare questi alimenti per evitare il sorgere di problemi intestinali. Indispensabile per bilanciare la dieta del canarino è anche il pastoncino, che può essere preparato in casa miscelando: pane, olio, uova e integratori minerali e vitaminici appositi.