Alimentazione gatto: cosa fare se il vostro animale domestico rifiuta il cibo

da , il

    Alimentazione gatto: cosa fare se il vostro animale domestico rifiuta il cibo

    L’insieme delle attività domestiche non comprende solo arredamento, giardinaggio e cucina. Molte persone amano , soprattutto noi donne, accudire gli animali domestici come i cani e i gatti. Se crescono in casa con noi diventano quasi dei figli che vengono curati, nutriti e coccolati come dei piccoli ed è per questo ci preoccupiamo seriamente se notiamo qualcosa che non va nel loro comportamento. In particolare i felini sono delle creature molte delicate e lunatiche, quindi come ci dobbiamo comportare nel caso cominciassero a soffrire di inappetenza e rifiutassero ciò che fino al giorno prima sembravano adorare? Scopriamolo subito..

    Innanzitutto ci tengo a chiarire che quanto scritto qui ha valore puramente informativo, è il veterinario di fiducia l’unico che può permettersi di dare una diagnosi (nel caso ce ne fosse bisogno) accurata e veritiera.

    Per cominciare faremmo bene ad escludere delle patologie gastroenteriche, come i problemi di digestione, portandolo ad una visita specialistica ed effettuando degli esami, poi sarebbe opportuno che sempre il veterinario pesasse la gattina (o il gattino) per valutare il suo reale stato di crescita e la conformità del peso; infine bisogna fare attenzione a stabilire la quantità di cibo da somministrare al micio basandosi su quanto riportato sulle singole tabelle delle confezioni degli alimenti che vengono acquistati. Non andate a risparmio e cercate di comprare solo i prodotti migliori e certificati, inoltre non correttegli dietro se vedete che in un primo momento rifiuta il cibo; il gatto potrebbe agire in questo modo quando si sente forzato a mangiare, esattamente come farebbe un bambino. Ad ogni modo, siete davvero sicure che si rifiuti di mangiare oppure lascia solo il cibo in eccesso che gli date? Se vengono escluse patologie, i motivi per cui non mangiano potrebbero essere due: in quel momento non hanno fame o fanno semplicemente i capricci. Quindi non preoccupatevi, in caso di languore non esiteranno a strusciarsi e a miagolare, voi impegnatevi solo a non ingozzarli!