Arredamento fai da te: come arrangiarsi senza un uomo… o al posto suo!

da , il

    Arredamento fai da te: come arrangiarsi senza un uomo… o al posto suo!

    L’indipendenza di una donna passa attraverso molte cose, una delle quali è lo svolgimento di lavoretti domestici. Sempre più donne, infatti, si dilettano nel bricolage, sia per una maggiore consapevolezza delle loro capacità, sia perché gli stessi uomini, oggi, non sono spesso in grado di assolvere a quei compiti che un tempo era prettamente maschili.

    Un contributo importante è dato dai grandi produttori, come Bricofer, diffuso su tutto il territorio nazionale, che prevedono un’assistenza mirata al cliente, provvedono al taglio del legno su misura e offrono, oltre al bricolage, anche articoli da giardinaggio. Insomma ferramenta e falegnameria si fondono i un ambiente aperto, accogliente e popolato sia di uomini che di donne.

    Quindi il cambio di rotta parte dal principio: l’acquisizione del materiale. Proseguendo oltre, ci addentriamo nell’atto pratico, proponendo come esempio quello che è probabilmente il più comune: il montaggio di una mensola o di uno scaffale. Imparare questo è fondamentale per prendere praticità ed arrivare a realizzare anche piccoli mobili autonomamente. Andiamo a vedere i vari passi da seguire.

    Iniziamo con i materiali: avremo bisogno di un trapano, un giravite o meglio un avvitatore/svitatore elettrico, viti, stop, una livella, le staffe, una matita o un pennarello, un metro, un chiodo ed un martello.

    Per prima cosa decidiamo dove posizionare la mensola, prendiamo una staffa misure e appoggiamola al muro; con la matita segniamo il punto in cui sulla staffa è presente il foro per la vite.

    Prima di procedere a praticare un foro nel muro è importante assicurarsi che in quella zona non siano presenti cavi elettrici o tubi e scegliere la misura della punta (da muro) del trapano, della vite e dello stop. Per la prima, diciamo che di norma per un una mensola utilizziamo una punta da 6 o da 8 (a seconda del peso) con la conseguente scelta di uno stop da 6 o da 8 e di una vite corrispondente; potete farvi aiutare in questo da uno egli addetti ai clienti nei centri di bricolage.

    Ora impugniamo il trapano e foriamo il muro, inseriamo lo stop (se non entra agevolmente aiutatevi dandogli piccoli colpi con il martello) posiamo al staffa e avvitiamo! Adesso non ci resta che prendere l’altra staffa, posarla al muro e facciamo in modo che la livella, posizionata sulle due staffe, sia dritta. Una volta ottenuta questa situazione, ripetiamo la stessa operazione appena compiuta. Due cose: non fidatevi del muro, usate sempre la livella invece di prendere le distanze dal soffitto o dal pavimento, spesso sono storti; poi mettete le staffe ad una distanza congrua e proporzionata alla lunghezza della mensola. Infatti potreste aver bisogno di 3 o 4 staffe se la mensola è molto lunga.

    Una volta fissate le staffe, la mensola può essere fissata con delle viti più leggermente più corte del suo spessore (se avete un avvitatore non serve il trapano).