Arredamento in stile arte povera: le idee di design

Scopriamo alcune idee di design per arredare in stile arte povera che a differenza di quanto si crede, non è affatto minimalista. Si tratta piuttosto di uno stile rustico, che fa largo uso di mobili di legno massiccio, dal sapore tradizionale. Scopriamo come utilizzarlo nelle diverse stanze di casa, passando dal soggiorno alla cucina, dalla camera al bagno.

da , il

    Scopriamo alcune idee di design per l’arredamento in stile arte povera. Ma prima di tutto cerchiamo di capire quali sono gli elementi distintivi di questo stile: nessun mobile minimalista a dispetto di quanto si crede, qui è il legno il vero protagonista nelle sue innumerevoli declinazioni. Mobili tradizionali, spesso di alto artigianato, dal sapore rustico, sono parte integrante di questo stile. Ecco tante idee per l’arredamento arte povera.

    Arredamento arte povera in soggiorno

    L’arredamento arte povera e il moderno non sono inconciliabili ma è necessario creare un po’ di equilibrio, introducendo qualche elemento moderno senza esagerare. Oppure optando per un pavimento dall’effetto moderno, in contrasto con l’aspetto più classico della mobilia. Ma partiamo dal soggiorno con alcune idee per arredare casa con l’arte povera: questo è uno degli ambienti più frequentati e utilizzati, richiede quindi particolare attenzione. Partiamo dai mobili che come premesso dovrebbero avere un tocco rustico, realizzati preferibilmente in legno, nelle sue innumerevoli declinazioni stilistiche. Attenzione a non confondere però l’arte povera con lo stile tirolese, quest’ultimo è meno elegante e molto più rustico.

    Sedie e tavolo da pranzo devono essere in legno ed è preferibile sceglierle con schienali decorati, in frassino o ciliegio. Un’elegante cristalliera completerà l’ambiente donandogli un tocco chic. I divani saranno sontuosi, meglio se imbottiti. Non esagerate con i complementi d’arredo e sceglieteli, in ogni caso, in modo oculato. Un tavolino modello fagiolino, ovvero simile a un comodino ma dotato di piedi ricurvi e gambe alte, può fare al caso vostro. L’arredamento arte povera in bianco stona parecchio perché i mobili di questo stile sono prevalentemente scuri in quanto antichi, tuttavia proprio per questo è importante scegliere pavimenti chiari, anche bianchi, che facciano risaltare la mobilia anziché appesantire ulteriormente l’ambiente.

    Soggiorno arte povera in cucina

    L’arredamento della casa in stile arte povera riguarda anche la cucina, ambiente che merita particolare attenzione ai dettagli. Anche in questo caso il materiale privilegiato sarà il legno a meno che non si decida di optare per una cucina in muratura, che a dispetto dell’apparenza è altrettanto adatta a questo stile. Meglio non riempire la stanza di troppi oggetti e accessori, non si tratta di una cucina in stile country che rispetto all’arte povera, è più ricca di elementi.

    Arredamento arte povera in bagno

    Anche il bagno richiede un tocco rustico! Pertanto potete utilizzare dei mobili antichi in legno massello, mobili dotati di lavabo con cassetti sottostanti, lavabi in ceramica e colonne da bagno nello stesso stile, privilegiando il legno scuro.

    Arredamento arte povera in camera da letto

    Gli elementi che non possono assolutamente mancare in una camera da letto in stile arte povera sono armadi sontuosi, impreziositi da trame e disegni, comò, comodini, settimini. Per quanto riguarda il letto, potete spaziare a seconda dei gusti dal classico legno al ferro battuto. Decisamente in stile anche lo scrittoio, che può essere collocato in camera o per esempio in ufficio. Le tende per l’arredamento arte povera sono preferibilmente chiare, ideali quelle nei toni del beige, che lasciano filtrare la luce, molto importante in questo contesto che rischia altrimenti di risultare troppo scuro.