Arredamento interni: il bagno futuristico di Patricia Urquiola

da , il

    Arredamento interni: il bagno futuristico di Patricia Urquiola

    L’arredamento di interni si sta muovendo sempre di più nella direzione del bagno, che viene ormai coinvolto in vere e proprie evoluzioni ed è fonte di ispirazione per tanti designer di successo ed innovativi, come Patricia Urquiola. La progettista è stata reclutata da Axor per elaborare una visione futuristica del bagno, che però rispecchiasse al tempo stesso la figura femminile: un progetto rosa. Patricia Urquiola ha allora creato una collezione che richiama linee e forme del passato e le rielabora secondo i canoni contemporanei. E il bagno assume anche i connotati del giardino.

    La collaborazione tra la Urquiola e Axor era partita dal Fuorisalone 2005 di Milano, in cui la designer aveva presentato un’installazione caratterizzata da elementi naturali. Da qui si è poi sviluppata l’idea finale, un bagno che si apre allo spazio esterno, pur restando chiuso, grazie alla presenza di piante e fiori e di una struttura armonica.

    I tratti, il carattere e lo stile trovano il loro slancio verso il futuro, mantenendo però dei forti legami con il passato; i lavabi e le vasche da bagno richiamano le forme dei catini e delle tinozze, mentre l’ambiente si apre sul giardino, anticipandolo comunque già dall’interno con l’importante presenza di piante e fiori.

    Così, dopo oltre quattro anni di progettazione, il corposo risultato che ne è venuto fuori conta 80 elementi combinabili tra loro (quello più importante ed eccentrico è il separé-calorifero che ha la funzione di dividere gli ambienti, riscaldarli, oltre ad offrire una superficie specchiante) , adatti a dare a vita ad un ambiente che unisce e rende proprie la filosofia della zona notte, del bagno e del giardino.