Arredare in stile minimal per spendere meno e creare più spazio

da , il

    Arredare in stile minimal per spendere meno e creare più spazio

    Ogni casa possiede il proprio segno distintivo, ma in questi tempi caratterizzati da pochi spazi e ancor meno soldi, arredare in stile minimal potrebbe togliere alcune castagne dal fuoco. Soprattutto oggi, dato che si trova tutto ciò che si desidera al prezzo desiderato grazie (e per alcuni versi purtroppo) alle grandi case di produzione di arredamento low-cost. Se prima arredare in modo minimalista era costoso ed era più conveniente comprare cianfrusaglie, acquistabili a buon mercato, adesso invece basta recarsi presso Ikea o Mondo Convenienza per trovare riproduzioni di articoli di alto design a prezzi accessibilissimi. Certo, qualità e durabilità possono risentirne, ma questo è un altro discorso, visto che comunque i costi dei pezzi cosiddetti buoni si ammortano in un periodo tanto lungo da permettere più di un ricambio della merce a buon mercato.

    L’arredamento minimalista prevede, dal nome stesso, pochi mobili, pochi decorazioni, ma d’impatto, e molto spazio libero.

    La cosa più importante, da cui bisogna partire, è il pavimento, un elemento in grande visibilità a causa della scarsità di mobili dettata dall’arredo minimal. I rivestimenti, in legno, in gres, in granito, in mattoni, ecc. devono essere belli a vedersi e illuminare; stesso discorso per le pareti, le cui tinte sono chiamate a riempire gli spazi lasciati vuoti da credenze ed ingombranti mobili a muro. La scelta di quadri adatti all’arredamento completa l’area di contorno.

    Entriamo quindi nel vivo della stanza, che deve essere spoglia ma dotata al tempo stesso di carattere; quindi poche mensole e pochissimi gingilli, una o due (a seconda della dimensione della stanza) lampade da terra, per il resto l’illuminazione è costituita da semplici applique a muro o a sospensione, e divani, letti, poltrone lineari e stilizzati; il volume e la consistenza sono date dai colori.

    In un arredamento minimalista anche le tende devono essere leggere, velate e non oscurare completamente la vista, per quello ci sono le serrande o le tapparelle.

    Infine le piante, non devono mai mancare per sostituire la mobilia mancante e donare quel tocco green, di tendenza e utile all’ambiente.