Bollette biorarie, come risparmiare soldi ed energia

da , il

    Bollette biorarie, come risparmiare soldi ed energia

    A partire da luglio 2010 sono state attivate per il consumo dell’energia elettrica le cosiddette tariffe biorarie, ossia le tariffe calibrate sulle fasce giornaliere e sui giorni di utilizzo dell’energia elettrica. Ma come funzionano? Quando è più conveniente utilizzare i vari elettrodomestici in base a queste nuove tariffe? Innanzitutto bisogna capire quando la richiesta di energia è minore e di conseguenza quando i prezzi al consumo sono più bassi. Di solito ciò avviene il sabato e la domenica, inclusi i giorni festivi e tutti i giorni della settimana dalle ore 19.00 alle ore 8.00. Ciò significa che nei restanti momenti (dalle 8 del mattino alle 19) l’utilizzo di elettricità è sottoposto a tariffe più care, proprio perché in questa fascia oraria la richiesta complessiva di elettricità è più elevata.

    Le tariffe più convenienti, concentrate quindi in orari serali o nei weekend, sono indicate in bolletta con le diciture F2 e F3, mentre le tariffe più elevate sono indicate dalla fascia oraria F1. Grazie a questo sistema, ogni cittadino potrà scegliere di gestire al meglio i propri consumi distribuendoli nell’arco della giornata.

    I prezzi biorari sono quindi un’opportunità per gravare meno sulle risorse energetiche e per risparmiare in bolletta. Per quanto riguarda le differenze delle tariffe tra le ore più convenienti e quelle che lo sono meno, fino a gennaio 2012, saranno minime, di norma intorno al 10%, in modo da tutelare i consumatori e permettere di abituarsi a un graduale cambiamento nell’utilizzo degli elettrodomestici. Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero verde dello Sportello per il consumatore: 800 166 654.