Cartuccia del rubinetto, come sostituirla

da , il

    Cartuccia del rubinetto, come sostituirla

    Molti lavoretti di casa possono essere svolti tranquillamente in modo fai da te senza dover obbligatoriamente chiamare i vari professionisti che spesso oltre a richiedere cifre abbastanza alte, ci costringono anche ad attese lunghe. Ad esempio la sostituzione di un miscelatore o di una cinghia di una tapparella sono operazioni molto semplici da svolgere ma molto spesso si ricorre ad esperti del settore perché abbiamo paura di far danni. Ecco qualche consiglio che vi permetterà di rimuovere e sostituire correttamente la cartuccia di un miscelatore. Vi occorrono: una chiave inglese regolabile, una chiave a brugola e un cacciavite a taglio.

    Prima di procedere con la sostituzione della cartuccia del miscelatore occorre ovviamente acquistarla in negozi specializzati in prodotti idraulici. Bisogna ricordare che non sono tutte uguali e che ogni rubinetto ne monterà una diversa. Quindi, prima di recarsi dal rivenditore, bisogna conoscere il tipo di cartuccia o almeno conoscere il modello e la marca del miscelatore che si deve sostituire. Dopo averla acquistata potremo cominciare l’installazione. Per prima cosa togliete la manopola che serve per aprire l’acqua.

    Per rimuoverla, utilizzando un piccolo cacciavite a taglio, dobbiamo rimuovere un tappino di plastica (solitamente di colore rosso e blu) che si trova nella parte frontale del miscelatore. Al suo interno troveremo una vite a testa cava esagonale, che dovremo poi allentare utilizzando la chiave a brugola. Con questo procedimento (valido per la maggior parte dei rubinetti) riusciremo a sfilare la manopola. Tolta questa dobbiamo procedere col sostituire la cartuccia. Per prima cosa svitiamo con la mano la parte in plastica che la ricopre e successivamente utilizzando la chiave inglese svitiamo il grosso bullone esagonale che la tiene bloccata e fissata al miscelatore. Sfilate la vecchia cartuccia e sostituitela con la nuova appena acquistata. Rimontate il tutto facendo attenzione a fissare bene il bullone esagonale.