Casa ecologica: rispetta l’ambiente e garantisce risparmi nel lungo periodo

da , il

    Casa ecologica: rispetta l’ambiente e garantisce risparmi nel lungo periodo

    Le colate di cemento che dagli anni ’70 hanno cominciato ad imbrattare le città, gli spazi verdi e le spiagge, sono nocive sia per l’ambiente che per la salute di chi ci vive dentro ed intorno. Per questo negli ultimi anni ha preso piede la tendenza opposta, che vede sempre più progetti per la costruzione di case ecologiche, soprattutto dopo l’approvazione degli incentivi da parte del governo. Cosa, questa, che ha suscitato anche delle perplessità da parte di Legambiente.

    Il vantaggio di una casa ecologica consiste molto nel risparmio garantito nel lungo periodo. Infatti l’investimento iniziale, seppur ingente, prevede la restituzione dell’investimento duranti anni di bollette meno salate (grazie ai pannelli solari) e di usura molto più lenta dei materiali. La presa di posizione ecologista ha inoltre investito tutti i campi, soprattutto quello artistico, da anni alle promotore di una politica ‘green’. A questo proposito è emblematica l’opera dell’argentino Tito Ingenieri, che ha costruito una casa con milioni di bottiglie di vetro e di plastica riciclate. Certo, ha impiegato venti anni della sua vita (spesi tra la ricerca di bottiglie e la costruzione) ma ha anche dato grande visibilità alla corrente sostenibile dell’architettura.

    Ma la casa ecologica, per essere tale, deve rispettare determinate linee guida anche per quel che concerne l’arredamento: si dovrebbero adoperare soprattutto materiali di recupero come il legno, o creare veri e propri oggetti di arredo con rifiuti riciclati, come hanno fatto gli ideatori della tenda realizzata con bottiglie di plastica.

    Una casa ecologica, in fin dei conti, viene ben vista da tutti, ma pochi al momento sono in grado di accettare i compromessi che questa idea comporta.