Ceramica decorativa: arredare con stile e con un tocco d’arte

da , il

    Ceramica decorativa: arredare con stile e con un tocco d’arte

    L’arredamento di casa comprende una vasta gamma di materiali che possono esseri utilizzati: tra questi uno dei più classici è senz’altro la ceramica, di cui esistono diverse tipologie.

    Si distinguono ad esempio la bisquit, che è una ceramica bianca senza smalto, la black basaltware, che come di intuisce dal nome contiene elementi di basalto, e la Bone China, che prevede la presenza di una certa quantità d’osso che la rende ancora più bianca e lucente.

    La porcellana dura e quella tenera si differenziano invece rispettivamente per la presenza di pigmatite la prima e di una miscela di selce e sabbia la seconda. Il Gres, infine, si ottiene con l’aggiunta di selce o di polvere di pietra d’argilla.

    Uno degli usi che si possono fare della porcellana, nell’ambito dell’arredamento, è sicuramente quello relativo alla pavimentazione oppure alle piastrelle. Infatti le sue proprietà di resistenza ed impermeabilità (alcuni tipi di gres vengono utilizzati addirittura sui ponti delle navi) la rendono ideale per la cucina, soprattutto sotto forma di mosaico (dato che ora le piastrelle non vanno più per questo tipo di ambiente) ed il bagno. Il gres porcellanato resta in ogni caso ottimo per ogni tipo di locale.

    La decalcomania è la tecnica di decorazione della ceramica, risalente al XVII secolo. Essa viene utilizzata sia a livello industriale che casalingo in chiave fai da te per realizzare vasi, piatti e piastrelle.

    La prima tipologia consiste nell’applicare il disegno o la scritta a freddo sull’oggetto in ceramica e successivamente fissarlo con la cottura in forno a temperature molto alte; la seconda, invece, prevede una lavorazione a freddo, con la decorazione già stampata su carta che viene applicata alla ceramica, immersa in acqua per circa 30 minuti (o fino a quando aderisce completamente all’oggetto) e successivamente fissata con una passata di vernice trasparente o con una cottura a terzo fuoco.