Come arredare casa in stile inglese

da , il

    Siete fan di Miss Marple e adorate la sua casetta dall’impeccabile stile inglese? Forse quello è un po’ troppo classico, ma magari nutrite una forte passione per il Regno Unito e sognate di arredare casa in stile inglese. Perché no? Si tratta di un tipo di design che siamo abituate a vedere più che altro nei film o al massimo nei tipici B&B anglosassoni, ma averci a che fare quotidianamente è un discorso diverso. Se, per esempio, ci piace che i nostri piedi siano caldi sulla moquette, dobbiamo anche essere consapevoli del fatto che la stessa moquette può causare problemi di salute se non adeguatamente trattata. Così , per il bagno, caratteristico ma scomodo con i doppi miscelatori. Comunque, prima di lasciarci andare a qualsiasi commento, vediamo come arredare casa in stile inglese.

    Come anticipato, l’elemento che contraddistingue un arredamento d’oltremanica è la moquette. Ricordate di non utilizzare collanti chimici per posarla e mantenete sempre elevato il suo livello di pulizia (non solo con l’aspirapolvere ma anche con prodotti disinfettanti appositi), altrimenti lasciate perdere.

    Altra caratteristica sono i lavabo con i due miscelatori, uno per l’acqua fredda ed uno per quella calda, rigorosamente sorretti da una struttura tubolare. Se volete essere delle puriste dovreste rinunciare al bidet e posizionare il WC in uno stanzino separato dalla stanza da bagno.

    La pavimentazione del bagno classica inglese è costituita da piastrelle a scacchiera, negli ultimi tempi sostituite dal linoleum decorato con la medesima fantasia. Linoleum e finto pavimento in legno sono infatti le trovate più economiche (ma anche più scadenti) per riproporre un arredamento in stile inglese.

    Molto d’effetto invece il wooden floor, cioè il vero pavimento in legno, che crea un effetto country (campagne inglesi) combinato con le tinte bianche o pastello dei mobili dalle forme lineari e pulite.

    Le porte sono rigorosamente all’inglesina, mai lisce e dal colore bianco. La porta d’ingresso invece può assumere le tinte del rosso o del verde, sempre se in accordo con il resto dell’esterno della casa.

    Carta da parati e motivi floreali decorano invece le pareti.