Come coltivare i funghi in casa

da , il

    Come coltivare i funghi in casa

    Come coltivare i funghi in casa? E’ possibile? Anzitutto va precisato che in casa non possiamo coltivare tutti i tipi di funghi. Soltanto alcuni, infatti, sono adatti per essere coltivati in casa, mentre, per altri non è possibile ricreare il loro habitat in modo artificiale. In generale, la procedura per coltivare i funghi in casa è abbastanza semplice ma richiede una certa abilità.

    Come coltivare i funghi champignon

    Per coltivare i funghi champignon in casa dobbiamo utilizzare delle cassette a bordo alto in legno, in plastica o in polistirolo (come quelle che si solito vengono utilizzate per la frutta). Inoltre, per coltivare i funghi champignon ci occorrono: un foglio di plastica nera (che utilizzeremo per rivestire internamente la cassetta), una miscela (substrato) composta da un miscuglio di letame (ben stagionato e non fresco), paglia e residui vegetali secchi, della terra calcarea fine e infine circa 30 grammi di micelio già pronto di fungo champignon o prataiolo (acquistabile in scatole o barattoli presso negozi specializzati o in garden center). Il posto ideale per coltivare i funghi champignon, dipenderà dalle varie fasi della crescita. Durante la prima fase (quella della crescita del micelio), il substrato deve essere mantenuto ben umido e occorre una temperatura intorno ai 25 gradi. Nella seconda fase (quella della crescita dei funghi champignon) occorre optare, invece, per un luogo ben ombreggiato, pulito, umido e fresco come una vecchia cantina. In ogni caso, le cassette non devono essere poste a contatto diretto col terreno e quindi è opportuno rialzarle con un dei mattoni o con delle pietre. Per coltivare i funghi champignon, iniziamo col lavare bene le cassette e, una volta asciugate, disponiamo sul fondo e sulle pareti delle cassette un foglio di plastica nera. Successivamente, per coltivare correttamente i funghi champignon, versiamo il substrato nelle cassette (lasciando 5 cm dal bordo) e compattiamolo bene. Dopo di che, irroriamo il substrato con acqua e copriamolo con il lembo del foglio di plastica. Lasciamolo riposare almeno due settimane. A questo punto, possiamo procedere interrando nel substrato il micelio pronto mettendone un cucchiaio in delle buche profonde circa 3-4 cm distanziate tra loro di circa di 10-15 cm. Bagniamo bene il tutto con acqua e copriamo, facendo in modo di mantenere nel substrato una temperatura intorno ai 25°C. Inoltre, per coltivare al meglio i funghi champignon dobbiamo mantenere sempre ben umido il substrato. Trascorsi circa 15-20 giorni si dovrebbe notare una muffa biancastra (il nuovo micelio) affiorare dal substrato. A questo punto bisogna ricoprire il substrato micelizzato spargendovi sopra uno strato di 1-2 cm di terra calcarea sottile e sterile. Infine, trascorsi circa 15-20 giorni spunteranno i primi funghi champignon. Lasciamo crescere i nostri funghi fino alla dimensione desiderata. La raccolta dei funghi champignon, invece, deve essere effettuata senza strappare troppo il micelio alla base, aiutandosi ad esempio con un coltello.

    Come coltivare i funghi pioppini

    Per coltivare i funghi pioppini è sufficiente seguire la stessa procedura descritta per i funghi champignon.

    Come coltivare i funghi porcini

    Purtroppo i funghi porcini non possono essere coltivati in casa. Infatti, questo tipo di funghi vivono in simbiosi con gli alberi del sottobosco che li ospita e con il quale stabiliscono un rapporto di reciproca convenienza. Questo habitat e questa cooperazione non può essere riprodotto in casa in modo semplice ed economico.