Come coltivare le erbe aromatiche: le varietà da piantare in estate

da , il

    Come coltivare le erbe aromatiche: le varietà da piantare in estate

    Coltivare le erbe aromatiche in casa è uno dei tanti piccoli tasselli che portano al risparmio domestico. Soprattutto chi ama una cucina speziata e saporita ne fa un uso sostanzioso e dunque anche il consumo fresco e genuino rappresenta un valore aggiunto. Le erbe aromatiche vanno coltivate senza troppa fatica, ma bisogna conoscere il periodo in cui piantarle. La primavera e l’estate sono le stagioni che presentano le migliori condizioni, quindi vediamo cosa è possibile piantare adesso e nei tre mesi a venire.

    L’alloro è un sempreverde che produce foglie aromatiche dalla proprietà digestive, coltivabile anche in vaso, che si pianta sia in primavera che a settembre e necessita di un terreno ricca e di una esposizione alla luce del sole.

    L’origano si abbina in modo perfetto con il pomodoro; la pianta richiede poca acqua, ma fornita con regolarità, preferisce l’esposizione al sole in assenza di vento. Il periodo migliore per coltivarla è compreso tra la primavera e settembre.

    Un’erba aromatica molto diffusa in cucina è il crescione, utilizzata per arricchire le insalate o per insaporire le minestre. Si può seminare tutto l’anno e coltivare in casa, a patto che riceva un’abbondante quantità di luce, abbinata ad un terreno umido e ben concimato.

    Ed ecco una delle erbe più popolari, il prezzemolo, seminato dalla primavera al medio autunno (fino ad ottobre) e dotato di proprietà digestive e depurative; per fiorire ha bisogno di un terreno ricco e umido e non gradisce un ambiente eccessivamente freddo o soleggiato, quindi va protetto sia in piena estate che nei mesi freddi. Il prezzemolo è ottimo per eliminare l’odore di aglio e cipolla dalle mani.