NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Come coltivare le piante da orto in vaso

Come coltivare le piante da orto in vaso
da in Casa, Fai da te, Giardino ed esterni, Orto
Ultimo aggiornamento:
    Come coltivare le piante da orto in vaso

    Coltivare le piante da orto in vaso è un’attività sempre più praticata da chi possiede un ampio balcone o terrazzo. Coltivare le piante da orto in vaso può rappresentare un gradevole e utile passatempo che vi permetterà di ottenere verdure e ortaggi naturali e a costo zero. Gli ortaggi, inoltre, possono avere un’elevata valenza estetica rappresentando un’originale ed utile alternativa ai classici fiori. Spesso il problema del coltivare un orto sul balcone o in terrazzo riguarda il poco spazio a disposizione. Per recuperare spazio potete sfruttare anche le pareti! Optate per delle mensole, dei contenitori da muro o da soffitto o dei vasi a paniere in cui ad esempio coltivare pomodori ciliegia o fragole ricadenti. Un vantaggio del coltivare l’orto in terrazzo o sul balcone è che esso sarà meno invaso da parassiti e malattie rispetto ad un normale orto.

    Per far crescere piccoli ortaggi o erbe aromatiche è opportuno scegliere cassette o vasi profondi almeno 30 cm, meglio se di terracotta. Utilizzando vasi o vaschette di maggiori dimensioni potete coltivare ulteriori specie e varietà. Per coltivare le piante da orto in vaso, disponete uno strato drenante sul fondo dei contenitori o dei vasi e poi ricoprite il tutto con del terriccio nuovo e fertile. È indispensabile anche assicurare agli ortaggi un’esposizione soleggiata per diverse ore al giorno. Ogni tanto ricordatevi anche di girare il vaso o la cassetta per garantire lo sviluppo uniforme della pianta.

    L’orto in vaso può essere realizzato partendo dai semi o trapiantando piantine già sviluppate. Le piantine si trapiantano facendo attenzione a non danneggiare il pane radicale (il terriccio attorno le radici) che deve essere compatto e ben umido.

    I semi, invece, vanno immessi in un terriccio fertile, umido e sabbioso. Fondamentali sono anche gli apporti d’acqua. Le annaffiature devono essere costanti e frequenti, meglio se effettuate dopo il tramonto, facendo attenzione a bagnare il terreno e non direttamente la pianta. Anche le concimazioni sono importanti. Attenti, però, a non esagerare! Troppo concime, infatti, può bruciare le radici delle piante.

    420

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CasaFai da teGiardino ed esterniOrto
    PIÙ POPOLARI