Come curare le piante da interno, consigli utili ed errori da evitare

da , il

    Come curare le piante da interno, consigli utili ed errori da evitare

    Per curare le piante da interno occorre eseguire una serie di interventi quotidiani e periodici che ne faciliteranno lo sviluppo e la crescita. Per curare le piante da interno, come prima cosa è fondamentale scegliere, all’interno della casa, un luogo adatto per posizionarle. In genere, è opportuno posizionare le piante da appartamento in luoghi freschi, luminosi e ben areati evitando però di esporle a forti correnti d’aria. Generalmente il luogo più adatto per collocare le piante da interno è nelle vicinanze di una finestra o di una porta che garantiscono un buon filtraggio della luce solare. Evitate, invece, di posizionare le piante da interno nelle vicinanze di un termosifone. Per curare al meglio le piante da interno, un altro accorgimento indispensabile riguarda la pulizia.

    Le piante da interno vanno pulite periodicamente eliminando la polvere che si deposita su di esse. La polvere, infatti, favorisce la comparsa di spore fungine e intasa i pori respiratori delle piante. Quindi, per curare al meglio le piante da interno, è fondamentale pulirle con un panno morbido e umido o in alternativa con un pennello. Periodicamente, occorre anche asportare le parti appassite o le foglie secche. Fondamentali sono anche le annaffiature. Ovviamente, ogni pianta richiede un diverso apporto di acqua ed è quindi consigliabile informarsi sulla frequenza e sulla quantità delle annaffiature da effettuare. Per curare al meglio le piante da interno, nel periodo primaverile, occorre somministrare del concime (liquido o in granuli) a lento rilascio che ne favorirà la fioritura. Il rinvaso, invece, normalmente deve essere effettuato, solo se necessario, alla fine dell’inverno. Per curare le piante da interno, oltre a questi accorgimenti, bisogna saper conoscere anche le eventuali minacce a cui possono essere esposte. Anzitutto, attenzione alle cocciniglie! Piccoli insetti a forma di scudetti bianchi e lanosi che si nutrono della linfa della pianta. In questo caso bisogna intervenire immediatamente eliminando uno ad uno gli sgraditi ospiti.

    Oltre alle cocciniglie, particolare attenzione deve essere fatta anche agli altri insetti che possono compromettere lo sviluppo e la crescita della piante da interno. Se, invece, le foglie della piante da interno presentano macchie scure o bordi neri significa che la pianta deve essere spostata in un luogo meno umido e freddo oppure devono essere ridotti gli apporti d’acqua. In caso di macchie bianche e se la pianta da interno è deperita occorre somministrarle dell’anticrittogamico. In questo caso, infatti, quasi sicuramente si tratterà del mal bianco (oidio). Infine, se la pianta presenta foglie secche e fragili dovrà essere spostata in un luogo più fresco ed areato.