Come fare il bucato senza danni: arriva l’app per la lavatrice

da , il

    Come fare il bucato senza danni: arriva l’app per la lavatrice

    Fare il bucato è una prerogativa delle casalinghe, o meglio lo è stato fino a pochi anni fa; poi l’emancipazione femminile e la vita errante condotta dai giovani per studiare in università prestigiose o per cercare fortuna, ha modificato tutti gli equilibri. Anche i maschietti hanno cominciato a capire che calzini e mutande non si lavano da soli e che la lavatrice è un elettrodomestico che non mangia, anzi aiuta. Ma spesso ci si trova di fronte a simboli incomprensibili, oppure a doversi affidare alla buona sorte di fronte ai molteplici tasti presenti sul pannello di controllo.

    Per fortuna, in arrivo dei novelli (e delle novelle, perché non ci sono più le casalinghe di una volta) lavandai arriva un’applicazione su Android Market in grado di aiutare i giovani, soprattutto studenti e lavoratori alle prime armi (e perché gli uomini divorziati?) alla prese con la lavatrice.

    L’applicazione si chiama Washapp, che prende spunto da un’idea della giovane esperta in comunicazione Stefania Lobosco e da non confondere con Whatsapp per iPhone, e promette di ridurre al minimo, fino ad azzerare, i danno provocati da mani inesperte che si cimentano con il bucato.

    Il funzionamento è molto semplice: in caso di dubbio, si inseriscono i colori ed i tessuti che devono essere lavati e l’applicazione risponde se la loro combinazione è possibile all’interno della lavatrice (in base ai dati immessi viene consigliata anche la modalità di lavaggio).

    Inoltre vengono spiegati tutti i simboli presenti sia sulla lavatrice che sul bucato e sono forniti suggerimenti per diversi tipi di macchie.