Come fare l’innesto a gemma sulla pianta

da , il

    Tra i lavori da fare in giardino uno di quelli più utili da saper fare è l’innesto. L’innesto consiste, per semplificare, nel saldare un pezzo di pianta su un’altra pianta. I motivi per fare un innesto possono essere diversi: può servire per velocizzare la fioritura di una pianta, per regolarne lo sviluppo, per risanare una pianta infetta o anche per mischiare le specie. In ogni caso è una tecnica che si può effettuare in diversi modi, qui vi parlerò dell’innesto a gemma, detto anche ad occhio o a scudetto, questa è la tecnica di innesto più diffusa e più semplice da eseguire e il risultato di solito è sempre positivo. Anche questa tecnica in ogni modo può essere fatta in varie maniere, vediamone una nel dettaglio dopo il salto.

    L’innesto a gemma può essere fatto a gemma dormiente o a gemma vegetante e si effettua durante i mesi estivi di solito tra agosto e settembre.

    Innanzitutto bisognerà pulire il tronco dalle foglie e dai rametti superflui per una lunghezza di 10 centimetri circa. Poi si procederà nella scelta del ‘gentile’, il pezzo che dovrà essere innestato. Questa parte di pianta dovrà essere vigorosa e in ottima salute. Si chiama innesto a gemma proprio perchè la parte che si toccherà della pianta sarà la gemma che verrà applicata alla pianta. Si praticherà un’incisione sul portainnesto a forma di T , di larghezza pari a 1-2 cm e di lunghezza di 2-3 cm. Sollevare con estrema delicatezza i lembi dell’incisione (aiutandosi con l’innestatoio) e infine inserire il ‘gentile’ (la gemma che avremo prelevato da un’altra pianta) nella fessura.

    Le zone del cambio dovranno essere a stretto contatto tra di loro e bisognerà legare con delicatezza con l’aiuto di rafia o di appositi cerotti facilmente reperibili in commercio.

    Ecco un video che vi mostra come eseguire l’innesto a gemma.