Come girare la frittata

da , il

    Come girare la frittata

    Chi, cucinando una frittata non ha mai desiderato, e chissà quante volte tentato, con o senza successo, di farla volare dalla pentola per poi riprenderla al volo, girata sul lato opposto? È davvero una soddisfazione riuscire nell’impresa, ma se si fallisce sono dolori, soprattutto perché si va a rovinare la compattezza di un alimento che punta molto sulla sua presentazione. E se abbiamo ospiti non è affatto gradevole portare a tavola il puzzle di una frittata. Vediamo allora i diversi metodi per girarla o per cuocerla su entrambi i lati, lasciandola intatta e senza sporcare tutta la cucina.

    Prima di tutto bisogna utilizzare una padella antiaderente: se non l’avete procuratevene una oppure lasciate perdere la frittata, preferite delle uova strapazzate! Inoltre la padella deve essere ben calda prima che il composto di uova e condimento venga versato dentro. Aiutatevi ungendo prima il fondo con dell’olio.

    Un altro attrezzo fondamentale è la paletta, possibilmente in legno o plastica, per non rovinare il fondo della padella.

    Una volta versato il composto, attendete che essa si addensi un po’ e poi cominciate a staccare i bordi con molta delicatezza utilizzando la paletta; scuotete anche con moto ondulatorio la padella in modo da non far aderire la frittata la fondo. Dopo averlo fatto la prima volta non ci sarà bisogno di ripetere l’operazione.

    Siete arrivate la momento cruciale, quello di girare la frittata; se volete provare la capovolta al volo, ricordate di effettuare un movimento secco e sicuro e non lanciate in aria la frittata, piuttosto fatela scivolare sui bordi della padella, più o meno come si fa quando viene fatto saltare la pasta con il condimento.

    L’altra soluzione consiste nell’utilizzare un piatto o altra superficie piana, di dimensioni maggiori rispetto al diametro della padella, su cui far scivolare la frittata.

    Altrimenti la soluzione più semplice, ma meno ideale per una cottura perfetta della frittata, consiste nel coprire con un coperchio e fare in modo che il calore cucini anche la parte superiore. Ovviamente così si perde croccantezza ma non si rischia nulla.