Come mantenere morbido il pan di Spagna: qualche consiglio

da , il

    Come mantenere morbido il pan di Spagna: qualche consiglio

    Chiunque ne abbia fatto esperienza, sa che il pan di Spagna fa fatica a rimanere soffice e già il giorno dopo, spesso, diventa fastidiosamente duro. Per questo ho pensato di scrivere un articolo nel quale vi suggerisco qualche idea su come mantenere morbido il pan di Spagna.

    Il pan di Spagna, molte volte, va preparato prima, in quanto base per un altro dolce – infatti – sarebbe opportuno che riposasse prima di ulteriori lavorazioni. Perché il nostro dolce venga buono è necessario che il pan di Spagna sia morbido, soffice e leggero. Scopriamo come mantenere morbido il pan di Spagna seguendo semplici accorgimenti.

    Per garantire la morbidezza del nostro pan di Spagna dopo, occorre innanzitutto studiare delle soluzioni preventivamente, prima ancora cioè di prepararlo, a cominciare dalla scelta della farina.

    La farina che utilizziamo per fare il pan di Spagna deve essere una farina debole, con poco glutine, con un W al massimo di 180. Il fattore W è un indicatore usato per classificare le farine in base alla loro forza. Qualcuno, ad esempio, mette nel pan di Spagna la fecola di patate proprio per ridurre ulteriormente il W della farina, ma proprio questo fa sì che l’impasto risulti eccessivamente compatto e asciutto. Meglio evitare e preferire piuttosto anziché una generica farina 00 (che troviamo facilmente in qualsiasi supermercato) una farina 00 specifica per prodotti non lievitati (creme, plum cake, biscotti, crostate) il cui W va da 80 a 150, reperibile nei negozi di dolci, in alcune panetterie e su internet.

    Veniamo ad un altro ingrediente molto spesso responsabile dell’indurimento del pan di Spagna, si tratta del lievito, la ricetta originale del pan di Spagna non richiede l’aggiunta di lievito, per la sua lievitazione ottimale, infatti, è sufficiente l’aria incorporata nelle uova.

    Quello che invece andrebbe inserito per mantenere morbido il pan di spagna è una piccola noce di burro, 25 grammi dovrebbero risultare sufficienti o in alternativa, per un impasto ancora più leggero, l’olio nella proporzione, 5 cucchiai di olio per 250 grammi di farina.

    Se non avete intenzione di utilizzare subito il vostro pan di spagna, ad esempio lo preparate nel week end (perché siete più libere), ma lo utilizzerete solo dopo qualche giorno, potete tranquillamente congelarlo. In questo caso tagliate il pan di Spagna a dischi, inseritelo in un sacchetto antigelo chiuso ermeticamente e mettete in freezer. In questo modo si conserva fino a 3 mesi. Quando lo dovrete usare, vi basterà tirarlo fuori dal frezeer 4-5 ore prima dell’utilizzo e lasciarlo a temperatura ambiente sempre chiuso nel sacchetto.

    Foto di Paciulina | Blog di ricette