Come pulire gli stampi in silicone

da , il

    Come pulire gli stampi in silicone

    Gli stampi in silicone vengono orami largamente utilizzati in cucina, grazie alle loro caratteristiche estremamente antiaderenti, igieniche e certificate. I vantaggi portati dagli stampi in silicone sono molteplici, a partire dalla loro capacità di essere riposti senza problemi, perché possono essere riposti in spazi stretti (e alcuni modelli possono addirittura ripiegarsi su stessi) senza subire alcun danno. Si utilizzano sia per preparazioni da forno che da freezer, quindi sono multiuso, ma presentano, come tutti gli utensili da cucina, il solito problema della pulizia, che deve essere eseguita in modo idoneo, al fine di garantire una lunga durata.

    Attenzione alle pieghe

    La prima cosa da fare, dopo aver estratto un dolce dallo stampo in silicone, è quello di rigiralo, portano il dentro in fuori, così da non lasciare alcun residuo all’interno delle pieghe.

    Adesso potete passare alla pulizia vera e propria. Poiché si tratta di un materiale antiaderente, non si dovrebbe verificare nessun incollamento su bordi e fondo ma, nel caso ciò accadesse, utilizzate soltanto una spugnetta umida per la rimozione, non coltelli o spugne in fil di ferro.

    No ai detersivi

    Gli stampi in silicone non devono essere lavati con dei detersivi, perché potrebbero prenderne l’odore e ricacciarlo con il calore del forno, in cottura. La cosa migliore da fare è utilizzare acqua corrente tiepida e strofinare per bene con una mano o al massimo con una spugna liscia.

    Asciugare con cura

    Una volta pulito, lo stampo in silicone va prima asciugato con un panno morbido e senza peli, poi va lasciato all’aria fino a che anche l’umidità non si sia del tutto ritirata.