Come pulire il pesce: tecnica e consigli

da , il

    Anche un’operazione all’apparenza molto semplice, come pulire il pesce, può risultare complessa a chi è alle prime armi in cucina. In realtà, pulire il pesce, è semplice e veloce. Ci occorrono un paio di forbici e un coltello o un apposito attrezzo per squamare il pesce (l’impiego di questo attrezzo, oltre a velocizzare il lavoro, permette anche di raccogliere le squame e quindi evitare che volino in giro per casa). Invece, per evitare che le mani si impregnino dell’odore del pesce, è consigliabile utilizzare dei guanti in lattice. Per pulire il nostro pesce, iniziamo col eliminare tutte le pinne, quella pettorale, quella ventrale, quella anale e quella dorsale tagliandole con una forbice dal basso verso l’alto e cercando un punto morbido nel pesce (ci permetterà di eliminare più facilmente le pinne).

    La pinna caudale (quella della coda del pesce), invece, non deve essere eliminata, al massimo deve essere accorciata impiegando sempre un paio di forbici. Eliminate tutte le pinne, si deve squamare completamente il pesce partendo dalla coda fino ad arrivare alla testa . Per effettuare questa operazione possiamo utilizzare un semplice coltello oppure un apposito attrezzo. Dopo aver squamato il pesce è opportuno lavarlo con l’acqua corrente in modo da eliminare completamente le squame.

    A questo punto, con una forbice, dobbiamo praticare un taglio dall’apertura anale (il piccolo forellino che si trova sulla pancia del pesce sotto le due pinne ventrali) a quella delle branchie. Successivamente, apriamo il pesce con le mani ed eliminiamo le viscere dal basso verso l’alto (quindi partendo dalla coda fino ad arrivare alla testa del pesce). Anche se restano piccoli pezzettini di viscere, non preoccupatavi, in quanto andranno via risciacquando il pesce sotto l’acqua corrente. Il video aggiunto riprende ogni fase e vi aiuta nell’operazione descritta!