Come pulire le posate in acciaio

da , il

    Come pulire le posate in acciaio

    Per conservare e pulire le posate in acciaio è utile seguire qualche piccolo accorgimento. Le posate in acciaio, rispetto a quelle in argento, sono molto più pratiche e resistenti. Ad esempio, possono essere lavate in lavastoviglie, tendono meno ad opacizzarsi e resistono molto meglio all’ossidazione. Tutte queste caratteristiche rendono le posate in acciaio molto pratiche e diffuse nell’uso quotidiano. Tuttavia col passare del tempo, anche queste posate tendono ad opacizzarsi e, specie se inutilizzate, possono presentare qualche piccolo segno di ruggine. Per pulire le posate in acciaio al meglio, dopo il normale lavaggio a mano o in lavastoviglie, immergetele per qualche minuto in una soluzione di acqua bollente e bicarbonato di sodio (circa due cucchiaini).

    Dopo di che, estraete le posate dall’acqua bollente, fatele raffreddare passandole sotto l’acqua fredda e asciugatele con un panno pulito. Per eliminare gli aloni o le imperfezioni residue utilizzate del succo di limone o dell’aceto bianco. Per rimuovere la ruggine, invece, strofinate energicamente la zona interessata con un tappo di sughero bagnato con una soluzione di sale e aceto.

    Ripetete l’operazione fino ad eliminare completamente tutte le eventuali macchie di ruggine. Terminata la pulizia, se le posate non sono utilizzate quotidianamente, è opportuno conservarle in alcune custodie (preferibilmente di cotone 100%) o in alternativa avvolgetele nella carta di alluminio. Con questo piccolo accorgimento è possibile evitare o ridurre fortemente la loro naturale ossidazione.