Come pulire un acquario, tecnica e consigli

da , il

    Come pulire un acquario, tecnica e consigli

    Pulire correttamente un acquario non è affatto semplice. Infatti, molti prodotti che usiamo solitamente per la nostra casa, non sono adatti per pulire l’acquario perchè potrebbero far morire i pesci al suo interno. Ma allora come pulire correttamente un acquario? Ci occorrono: un secchio di piccole dimensioni o un contenitore, acqua del rubinetto e infine una spugna. La procedura è abbastanza semplice. Iniziamo con l’indossare dei guanti in lattice e successivamente smuoviamo i sassolini presenti sul fondo dell’acquario (questo permetterà allo sporco depositato di venire a galla) e aiutandoci con un secchiello (di piccole dimensioni) eliminiamo lo sporco che vedrete galleggiare nell’acqua. Per pulire il nostro acquario possiamo impiegare anche una retina che utilizzeremo per eliminare lo sporco presente al suo interno.

    In ogni caso occorre sostituire dall’acquario circa il 30% dell’acqua e aggiungerne altrettanta dal rubinetto dopo averla fatta decantare almeno 24 ore. Successivamente, aiutandoci con una spugna, proseguiamo pulendo il filtro dell’acquario e sostituiamo la lana di perlon, senza però toccare i cannolicchi (che sono molto delicati) e aggiungiamo anche il biocondizionatore e l’attivatore batterico. Invece, per eliminare eventuali alghe depositate sulle pareti dell’acquario, è opportuno cercare di toglierle manualmente e poi continuare la pulizia utilizzando una calamita pulente per vetro (acquistabile facilmente in un negozio specializzato).

    Inoltre, per avere il tuo acquario sempre bello pulito puoi utilizzare delle piante a crescita veloce (tolgono nutrienti alle alghe), aggiungere delle pompette che effettuano una pulizia automatica dell’acquario o in alternativa aggiungere all’acquario 1 o 2 pesci pulitori o delle lumache che riescono a ridurre lo sporco presente all’interno dell’acquario.