Come restaurare una bicicletta

da , il

    Come restaurare una bicicletta

    Per restaurare la nostra bicicletta ci occorrono: degli attrezzi da lavoro, della carta abrasiva, della vernice in bomboletta spray e tanta pazienza, infatti il procedimento, pur essendo semplice, richiede più giorni di lavoro. Ovviamente non tutte le parti della bicicletta possono essere riutilizzate, alcune devono essere acquistate mentre altre possono essere riutilizzate. Le ruote, le camere d’aria, il sellino, i pedali, se rotti o molto usurati, devono essere acquistati in un negozio specializzato o in un supermercato ben fornito, mentre, è possibile riutilizzare la catena anche se rigida o arrugginita. Possiamo recuperarla lasciandola per almeno un giorno in un contenitore con un litro di nafta e asciugandola vicino ad una fonte di calore.

    Per restaurare la bicicletta procediamo smontando le varie parti che la compongono, liberando il più possibile il telaio così da lasciarlo ‘nudo’. A questo punto possiamo iniziare a verniciare la nostra bici. Prima, però, impiegando della carta abrasiva, dobbiamo rimuovere la vecchia vernice o eventuali adesivi. Dopo di che, procediamo con la verniciatura utilizzando una bomboletta spray (acquistabile in un qualsiasi ferramenta) e passiamo la vernice con movimenti orizzontali e verticali ad una distanza di circa 20cm dal telaio.

    Se non siamo riusciti a smontare alcune parti della bicicletta, prima di verniciare il telaio, copriamole con della carta di giornale o del nastro adesivo. Una volta terminata la verniciatura, lasciamo asciugare per almeno un giorno, preferibilmente in un ambiente fresco e ben ventilato. Una volta asciugato il telaio procediamo con il montaggio delle varie parti della bicicletta facendo attenzione a non graffiare la vernice! Il restauro è terminato!