Come rinfrescare la casa quando il caldo si fa insopportabile

da , il

    Come rinfrescare la casa quando il caldo si fa insopportabile

    Nel suo vademecum su come affrontare il caldo estivo il Ministero della Salute consiglia di non uscire nelle ore più calde, ma non sempre restare a casa rappresenta una fresca alternativa, a meno che non seguiate questi semplici consigli su come rinfrescare la casa quando la calura diventa davvero insopportabile.

    Anzitutto scordatevi di tenere i vostri condizionatori perennemente accesi perché oltre a incidere pesantemente sui costi della bolletta, l’aria condizionata fa male alla salute. E allora vediamo insieme cosa fare per rinfrescare la casa e trovare lì una piacevole oasi di ristoro quando le temperature diventano torride

    1. Una cosa importantissima è fare circolare l’aria, soprattutto nelle ore notturne, (quando la temperatura è più fresca), lasciando aperte le finestre.

    2. Sarebbe opportuno che durante il giorno le finestre rivolte a sud (il lato più soleggiato della casa) rimanessero chiuse mentre quelle a nord (che rimangono in ombra fino al pomeriggio) restassero aperte fino alle 11.

    3. Le finestre vanno ben schermate con tende, veneziane o frangisole: in questo modo si evita che i vetri siano colpiti direttamente dai raggi solari. Sono preferibili tende azzurre o verdi che filtrano la luce e danno un senso di riposo e di fresco.

    4. Sarebbe opportuno disporre sui pavimenti tappeti di corda, cocco o tela almeno nella stagione estiva perché gli altri materiali trattengono più calore.

    5. Sarebbe opportuno accendere le luci il meno possibile perché le lampadine emettono calore.

    6. Anche gli elettrodomestici emettono calore contribuendo a scaldare l’ambiente circostante: meglio non usarli a lungo di giorno, ma cuocere i cibi la sera, ricordandosi di arieggiare la cucina durante la notte.

    7. Quando la calura diventa davvero insopportabile si può mettere in ogni stanza un recipiente pieno di acqua fredda che evaporando donerà alla stanza un senso di freschezza. Più l’acqua sarà fredda più sarà netta la sensazione cambiando l’acqua un paio di volte al giorno.

    8. Bagnare le tende con un nebulizzatore come quello che usiamo per annaffiare le piante almeno una volta al giorno può contribuire a rinfrescare l’ambiente.

    9. Tenere sempre umide le piante conferisce umidità a tutto l’ambiente circostante.

    10. Se in case c’è il condizionatore, per evitare il rischio di sbalzi termici eccessivi è buona prassi regolare la temperatura in modo che sia 5 o 6 gradi in meno rispetto a quella esterna. Sempre meglio preferire i ventilatori, che assicurano un refrigerio naturale con una differenza di temperatura minore di quella che si stabilisce con l’aria condizionata senza considerare che il ventilatore consuma meno energia e produce meno inquinamento.