Come servire il foie gras

da , il

    Come servire il foie gras

    Il foie gras (il fegato grasso) è un piatto tipico e prelibato della cucina francese; si tratta di una preparazione particolare del fegato d’oca, ottenuta grazie ad un’alimentazione forzata, a base di mais, che viene somministrata negli ultimi venti giorni di vita dell’animale. In questo modo, il fegato si gonfia e si carica di grasso, acquisendo quindi molto sapore. Il foie gras è una prelibatezza che va servita in modo idoneo, dopo essere stata acquistata fresca. Di qualità e di tipologie di preparazione ce ne sono diverse, per cui la scelta è piuttosto ampia.

    La versione più diffusa di foie gras è quella sterilizzata ad una temperatura superiore ai 100 gradi, capace di conservarsi per diversi giorni anche fuori dal frigorifero (quando viene venduto nella confezione sottovuoto).

    Il foie gras va servito da solo, non accompagnato da altri affettati, e all’inizio del pasto. La guarnizione ideale è una insalata fresca e priva di condimento o, in alternativa, un letto di dadini di gelatina bagnata nel Madera, il vino liquoroso portoghese.

    Immancabili devono essere dei crostini sottili di pane, leggermente abbrustoliti.

    Se conservato in frigorifero, il foie gras va servito a temperatura ambiente, quindi è opportuno estrarlo circa un paio d’ore prima di consumarlo; bisogna anche fare attenzione a non lasciarlo per troppo tempo a contatto con l’aria, altrimenti il colore e il sapore potrebbero risultare compromessi.

    Per affettare il foie gras, prima di consumarlo, è consigliato l’utilizzo di un coltello ben affilato, in modo da garantire un taglio preciso.