Controlli obbligatori stufe a pellet: quali fare

Controlli obbligatori stufe a pellet: quali fare
da in Casa, Consigli casa, Evergreen
Ultimo aggiornamento:
    Controlli obbligatori stufe a pellet: quali fare

    Quali sono i controlli obbligatori stufe a pellet? Ci sono delle regole generali per gli impianti di riscaldamento e di climatizzazione, incluse le stufe a pellet e simili. I controlli di sicurezza prescritti dall’installatore riguardano le stufe a biomassa fisse e con potenza superiore ai 5kW individuali. Anch’esse infatti vanno sottoposte a manutenzione periodica e richiedono l’apposito libretto di impianto, da aggiornare ad ogni nuova operazione di verifica e manutenzione. Ecco quali fare.

    I controlli per le stufe a pellet obbligatori sono quelli prescritti dall’installatore e le verifiche sul consumo di combustibile. Come si fanno? E’ sufficiente contattare il manutentore della stufa a pellet affinché verifichi i requisiti, per poi rilasciare il libretto compilato. A dover contattare il manutentore è il cosiddetto responsabile dell’impianto, ovvero il proprietario o l’occupante dell’abitazione in cui la stufa è installata, pena una sanzione compresa tra 500 e 3.000 euro.

    Il libretto d’impianto viene compilato solo dopo che il manutentore avrà verificato la corretta installazione e va aggiornato a ogni nuova operazione, che si tratti di modifica, sostituzione o aggiunta di un nuovo generatore di calore, non solo a biomassa. In esso il manutentore scrive quali sono le operazioni da effettuare e quanto frequentemente eseguirle per garantire il corretto funzionamento della stufa.

    I manutentori e gli installatori devono essere professionisti abilitati ai sensi del D.M. 37/08, in grado di assicurare uno standard di servizio.

    E’ importante acquistare stufe che rispondano, a loro volta, ai requisiti di legge e per esserne certi, basta controllare che siano dotate di etichettatura, documentazione e dichiarazione di conformità alla norma UNI 11518, la placca segnaletica in cui compaiono nome e indirizzo del fabbricante, tipo combustibile utilizzato e consumo, la placchetta di sicurezza, i manuali d’installazione e il manuale d’uso e manutenzione. Si tratta di documenti che vanno allegati per legge e che quindi non possono mancare se la stufa è a norma.

    369

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CasaConsigli casaEvergreen
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI