Cucinare senza sale: le ricette degli chef

da , il

    Cucinare senza sale: le ricette degli chef

    Cucinare senza sale, si può? La risposta è , basterebbe quello contenuto naturalmente negli alimenti. Cucinare senza sale, in più, rappresenterebbe un autentico vantaggio per la nostra salute, ma vorrebbe dire sacrificare il gusto? No. Il gusto sarebbe comunque garantito. Parola di chef.

    Sono stati proprio i grandi maestri di cucina, riuniti in questi giorni a Venezia, in occasione della quarta edizione di ‘Gusto in Scena‘, presso la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista, a discutere di ‘Cucinare con, cucinare senza sale‘.

    Cucinare senza sale aiuterebbe a prevenire ipertensione arteriosa e tutte le malattie correlate. Al posto del sale, gli chef suggeriscono di usare spezie e erbe aromatiche o anche aceto e limone, tutti esaltatori naturali del sapore, in quanto non è vero che i cibi senza sale non hanno gusto, è solo il nostro palato ad essere viziato.

    Mara Martin, del Ristorante Da Fiore, a Venezia propone tra le sue ricette senza sale, una pasta verse fatta a mano e condita con molluschi ed erbe aromatiche che vanno a sostituire il sale senza farne avvertire la mancanza. Tra i molluschi utilizzati ci sono vongole, cappelunghe, cozze e canestrelli.

    Lo chef Gaetano Trovato del ristorante Arnolfo di Colle di Val d’Elsa, invece, propone un piatto a base di carne di piccione senza sale, cotto sottovuoto, esaltandone il gusto in maniera originale accostando il caffè e il sedano rapa. In alcune pietanze, questo chef, utilizza il Fior di Sale dolce di Cervia o le scaglie della riserva naturale di Mozia, l’isola di fronte a Trapani.

    Ilario Vinciguerra dell’omonimo ristorante a Gallarate, propone tra le sue ricette senza sale, un tortello di pomodoro San Marzano con acqua di provola affermando che esiste un unico modo per cucinare senza sale senza penalizzare il risultato finale: scegliere una materia prima di ottima qualità (in questo caso il pomodoro), per esempio frutta e verdura di stagione, possibilmente giunta da piccoli produttori e non dai centri commerciali o delle grosse catene di distribuzione industriali. Così, il pomodoro, ma anche altri ingredienti non necessitano dell’aggiunta di sale.