Decorare casa: pareti bianche, colorate o grezze?

da , il

    Decorare casa: pareti bianche, colorate o grezze?

    Il dilemma del post acquisto di una casa: come la arrediamo? Le pareti le lasciamo bianche, le coloriamo? Se sì, come? Nella prima ipotesi il fai da te non è poi così azzardato, mentre se ci si orienta verso la seconda opzione, o ci si affida a degli esperti o sarebbe opportuno scegliere previamente, magari facendo delle prove, i colori e le tonalità giuste. Infatti, anche se nella nostra mente le combinazioni sembrano azzeccate, una volta riportate su grandi superfici, e con diverse esposizioni alla luce, potrebbero sortire brutte sorprese.

    Allora armatevi di pazienza, dell’attrezzatura necessaria per imbiancare, colorare o imbrattare le vostre pareti e cominciate a creare dei quadrati di almeno un metro per un metro che andranno poi verniciati. Lasciateli asciugare anche più di un giorno, perché il primo impatto con il colore fresco è sempre diverso rispetto a quando si è seccato. Se avete optato per un bianco totale, ovviamente non avrete di questi problemi. Nel caso in cui la vostra fantasia vi spinga a desiderare tutte le pareti colorate, cercate di porvi un freno: infatti è sempre opportuno che almeno due pareti di una stanza siano bianche o di un colore neutro (bianco sporco o panna ad esempio). Ma verniciare non è la sola opzione per decorare le pareti: anche lasciarle grezze, se sono costituite di mattoni o mattoncini, crea un effetto molto particolare e creativo, che si sposa bene sia con un design classico, rustico, che moderno. Se il fondo è rovinato, la sabbiatura dei mattoncini li può riportare ad antico splendore, mentre se le pareti sono costituite di solo cemento ed intonaco, è sempre possibile applicare dei mattoni o delle pietre a colla, in breve tempo e con costi molti moderati. Anche le scritte adesive sono un’ottima idea per dare colore e movimento alle pareti.