Deumidificatore naturale fai da te: ecco come fare

da , il

    Deumidificatore naturale fai da te: ecco come fare

    Con l’arrivo dell’estate arriva anche il temutissimo caldo. Più che il caldo, a rappresentare un vero e proprio fardello quando si alza la temperatura è l’umidità. Come difendersi? Che ne direste di costruire un deumidificatore naturale fai da te per garantire frescura alla vostra abitazione?

    Non tutti lo sanno, ma il sale è un ottimo deumidificatore naturale, quindi possiamo costruire un deumidificatore naturale fai da te proprio a partire dal più comune prodotto da cucina, il sale.

    Procuratevi un contenitore cilindrico, va bene anche una bottiglia di plastica opportunamente privata della parte superiore. Una volta tagliata, mettete sul fondo del sale grosso da cucina. Per quanto riguarda la quantità di sale giusta per deumidificare, possiamo dire che è direttamente proporzionale alla grandezza della stanza. Pertanto 100 grammi di sale dovrebbero risultare sufficienti a svolgere la funzione di deumidificatore naturale in una stanza media di 4mx4m.

    Prima di posizionale il nostro deumidificatore naturale fai da te nella stanza, occorre conservarlo in frigo per almeno 12 ore nell’apposito contenitore, realizzato privando la bottiglia della parte superiore, ma che copriremo in maniera opportuna.

    Trascorso il tempo necessario in frigo, il nostro deumidificatore naturale fai da te è pronto ad essere utilizzato. Posizioniamolo, dunque, nella stanza, possibilmente di notte, quando l’umidità risulta ancora più fastidiosa. Ci accorgeremo che il sale tenderà ad assorbire l’umidità presente e sarà molto facile rendersene conto perché quest’ultimo risulterà via via sempre più inzuppato. Possono volerci un paio di giorni o anche più, tutto dipende dalla quantità di umidità presente nell’ambiente.

    Il sale bagnato va asciugato in forno, posizionandolo in una teglia per una decina di minuti a bassa temperatura, dopo di che può essere riutilizzato altre volte per ripetere il procedimento fino a quando non sarà più in grado di assorbire acqua.