Echeveria rossa, quasi un complemento d’arredo

da , il

    Echeveria rossa, quasi un complemento d’arredo

    L’ Echeveria è una pianta grassa appartenente alla famiglia delle Crassulaceae. Originaria del Messico, il nome le è stato dato in onore del pittore messicano Atanasio Echeverria, famoso per i suoi dipinti di piante. L’echeveria è abbastanza conosciuta e riconoscibile; le sue foglie sono piatte e carnose e disposte a rosetta. Con il termine echeveria rossa, invece, si intendono quelle commercializzate soprattutto nel periodo natalizio e tinte con una sostanza non tossica appunto di colore rosso della quale la pianta si libera solo crescendo, come dimostrano le foglie interne di colore verde.

    Possiamo trovare queste echeverie anche durante il resto dell’anno e utilizzarle per il loro caratteristico colore rosso quasi come un vero e proprio complemento d’arredo eventualmente abbinando anche il colore al resto dell’arredamento. L’intensa nota cromatica, la carnosità delle foglie e la forma geometrica la rendono perfetta a questo scopo. Oltre a quelle tinte possiamo trovare in commercio anche delle varietà naturalmente in colore rosso che però risulta meno intenso.

    Vediamo qualche consiglio per averla sempre al meglio. Per far si che la pianta resti sempre sana e colorata è necessaria tutta la luce possibile specie durante l’inverno. Per questo d’estate si può spostare anche all’aperto esponendola almeno per metà giornata in pieno sole. Questo perché se la luce è insufficiente il fusto centrale si allunga e le foglie perdono colore diventando chiare e meno consistenti. Al momento dell’acquisto, invece, ponete attenzione alla presenza di imperfezioni eliminando piante con punte mancanti, annerite o ferite. Anche il costo è molto accessibile.